Malore fatale durante il sonno: muore a 38 anni la figlia del presidente del coro Ventidio Basso

Serena Di Pietro
Serena Di Pietro
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Aprile 2022, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 09:09

ASCOLI  - Una tremenda tragedia ha colpito il presidente del coro Ventidio Basso, Pietro Di Pietro. A Bologna dove risiedeva è morta la scorsa notte la figlia Silvia, di 38 anni di età. Il malore fatale è avvenuto giovedì notte durante il sonno.

Addio al re della pizza: questa mattina l'ultimo saluto a Pietro Petrani

Quando sono arrivati gli operatori sanitari del 118 per serena, purtroppo, non c’era più nulla da fare. Ora resta da capite che tipo di malore ha provocato la fine di un’esistenza così relativamente breve.


Silvia Di Pietro, dopo avere frequentato le scuole fino all’esame di maturità ad Ascoli, si era laureata per poi trasferirsi nel capoluogo emiliano dove vive anche la sorella Serena, farmacista. La notizia dell’improvviso decesso della giovane ascolana è piombata in città nella tarda mattinata. Nella chat dei componenti del coro del Ventidio Basso, dove il padre è presidente, la brutta notizia si è diffusa a macchia d’olio provocando un comprensibile turbamento e dolore. Il padre Pietro e i familiari sono immediatamente partiti alla volta del capoluogo emiliano per le tristi procedure. Numerosi attestati di cordoglio sono pervenuti alla famiglia Di Pietro, non solo ovviamente dal coro del teatro Ventidio Basso ma anche di numerosi amici.


Se dovesse essere confermata la causa della morte nel sonno, essa, purtroppo, può presentarsi anche nelle persone relativamente giovani come Serena. I motivi della morte durante il sonno sono vari e possono dipendere da fattori esterni o naturali, come ad esempio insufficienza cardiorespiratoria, problemi nel sonno, ictus. La morte durante il sonno può essere provocata da cause naturali, come ad esempio problemi a cuore e polmoni. L’insufficienza respiratoria causa un non corretto funzionamento del cuore. Attacchi cardiaci portano a problemi di afflusso di sangue al cervello, e quindi insufficienza respiratoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA