Calci e pugni al compagno davanti ad un bar nel centro storico, arrestata una donna

Sabato 24 Luglio 2021
Una Volante della Questura di Ancona

ASCOLI - La polizia ha arrestato una donna, che è ora ai domiciliari, dopo un parapiglia avvenuto nella notte davanti a un bar del centro storico. La donna, pur ferita dopo una discussione con il compagno, ha trovato la forza di aggredire poliziotti e operatori del 118 accorsi dopo la telefonata di allarme di alcuni testimoni.

Sul posto una Volante che era imepgnata in zona nei i servizi di controllo del territorio della Polizia di Stato della Questura di Ascoli Piceno dedicati alla verifica del rispetto delle misure per il contenimento dell’emergenza epidemiologica.

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico è intervenuto insieme ad altre pattuglie anche di altri uffici della Questura, presso un bar sito nel pieno centro storico di Ascoli Piceno; lì, infatti, una donna stava litigando con il proprio compagno creando al titolare dell’esercizio commerciale e agli avventori di quest’ultimo non pochi problemi.

I poliziotti intervenuti, dal momento che la donna presentava una vistosa ferita al capo, contattavano immediatamente personale del 118, cercando nel contempo di sedare gli animi della coppia. La donna, tuttavia, nell’occasione colpiva non solo gli operatori di polizia che procedevano a trarla in arresto per i reati di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, ma anche il personale sanitario intervenuto.

Fortunatamente dai fatti non derivavano conseguenze dannose per alcuno. La donna, una ventinovenne residente nella immediata periferia della città, dopo le cure sanitarie ricevute è stata collocata presso la sua abitazione, in regime di arresti domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA