Asili nido e scuole dell’infanzia: il governo premia la costa. Ecco i centri premiati

Asili nido e scuole dell infanzia: il governo premia la costa. Ecco i centri premiati
Asili nido e scuole dell’infanzia: il governo premia la costa. Ecco i centri premiati
di Luca Marcolini
4 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Agosto 2022, 06:55

ASCOLI  - Pioggia di finanziamenti, in arrivo dall’ormai famoso Piano nazionale di ripresa e resilienza, anche su asili nido e scuole per l’infanzia. E a beneficiarne, a seguito di uno specifico avviso finalizzato proprio alla realizzazione di nuove sedi per accogliere bimbi da 0 a 6 anni saranno per certo tre comuni piceni, per un totale di quattro progetti già ammessi e finanziati.

Si tratta, per la precisione, delle proposte inoltrate nello scorso febbraio da San Benedetto, Grottammare e Cupra Marittima. Mentre altri quattro progetti sono inseriti come riserva e, quindi, con possibilità comunque di poter vedere sbloccati in una seconda fase i finanziamenti necessari: in questo caso gli interventi riguardano Folignano, Offida, Cossignano e Ripatransone. 


La graduatoria
Non figura, invece, nelle graduatorie, Ascoli poiché il capoluogo piceno ha già ottenuto attraverso i fondi per il sisma le risorse per sistemare le scuole per l’infanzia, spesso nella stessa sede delle primarie, e anche per l’adeguamento sismico dell’asilo nido comunale “Lo scarabocchio” in centro, in via Buonarroti. 


Gli interventi ammessi
L’attuale graduatoria pubblicata sul sito dei fondi Pnrr per il settore dell’istruzione e relativa al bando finalizzato alla realizzazione di nuove sedi per asili nudo e scuole per l’infanzia, fa registrare, come detto, l’ammissione a finanziamento di quattro interventi da realizzare in tre comuni piceni: San Benedetto (con due progetti), Grottammare e Cupra Marittima. Nello specifico, per San Benedetto si tratta di due progetti per la costruzione di nuovi edifici destinati ad accogliere bimbi da 0 a 6 anni (tra asilo nido e scuola per l’infanzia). Progetti finanziati rispettivamente per per un milione e 56mila euro e un milione 584mila euro. Sviluppati internamente dal Comune, una volta realizzati i due progetti doteranno San Benedetto di due nuovi poli per l’infanzia: uno nella scuola “Alfortville” e uno in via Togliatti.

Le strutture saranno realizzate secondo i più alti standard antisismici e di efficienza energetica e raddoppieranno il numero totale di posti disponibili per il servizio sul territorio, aumentando l’attuale capacità data dalle strutture presenti da 90 a 180 posti. «La concessione di questo finanziamento – spiega il sindaco sambenedettese Antonio Spazzafumo - è una grande occasione per la nostra città di potenziare i servizi offerti ai nostri concittadini, in special modo in un settore come quello della cura dei bambini, che è oggi più che mai necessario per sostenere gli sforzi delle famiglie». «C’è grande soddisfazione – aggiunge l’assessore sambenedettese alle politiche comunitarie, Domenico Pellei – perché realizzando questi progetti, incrementeremo la disponibilità, finora carente, di posti nei nidi d’infanzia comunali, specialmente in aree della città nelle quali l’esigenza era particolarmente marcata». Gli altri due interventi già ammessi riguardano, invece, la costruzione di nuovi edifici per asili nido e scuole per l’infanzia a Grottammare (con un finanziamento pari ad un milione 152mila euro) e a Cupra Marittima (con finanziamento di 729mila 380,80 euro). 
Ci sono poi, nelle graduatorie dell’avviso in questione, anche altri quattro progetti inseriti come “riserva”, ovvero in attesa di un eventuale sblocco dei finanziamenti.

Nello specifico, due di questi interventi riguardano l’ampliamento di edifici già esistenti per asili nido e scuole per l’infanzia sia a Cossignano (con una spesa prevista di 324mila 730 euro) e a Ripatransone (con un dotazione richiesta pari a 583mila 802,18 euro). Gli altri due interventi in attesa, invece, sono relativi alla costruzione di nuovi edifici con destinazione sempre a poli dell’infanzia e riguardano il comune di Folignano (con possibile finanziamento di 2,1milioni di euro) e quello di Offida (con un finanziamento richiesto di 4,5 milioni di euro). 


Le esclusioni
Non sono stati ammessi, invece, sulla base della graduatoria, altri tre progetti relativi ai comuni di San Benedettodel Tronto (ampliamenti di edifici scolastici esistenti con richiesta di 385mila euro), di Acquaviva Picena e di Grottammare (in entrambi i casi per riqualificazioni funzionali di edifici rispettivamente per un costo di 1,7 milioni di euro e circa due milioni di euro). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA