Il grande cuore degli ultras; donano soldi, sciarpe e felpe ai profughi ucraini incontrati in autogrill

I tifosi dell'Ascoli con i profughi ucraini
I tifosi dell'Ascoli con i profughi ucraini
di Matteo De Angelis
2 Minuti di Lettura
Martedì 15 Marzo 2022, 09:05

ASCOLI - Il grande cuore degli ultras bianconeri. Di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Ferrara, durante la sosta in un’area di servizio, alcuni tifosi del Picchio si sono imbattuti in un pullman «che recava, sulla vetrata, un’insegna diversa dal solito». Nel giro di pochi secondi, come hanno raccontato gli Ultras 1898, è risultato chiaro da dove provenisse il bus: «Si trattava di un pullman di rifugiati proveniente dall’Ucraina. Cercando un contatto con qualcuno, ci siamo ritrovati a parlare con un bambino che, con un buon inglese, ci ha spiegato da dove venissero e quale fosse la loro destinazione».

Tredici mamme con i loro bimbi, che scendono dal pullman stringendo in mano alcuni peluches: «Qualcuno di noi ha regalato la sciarpa, qualcun altro si è tolto la felpa». Ma il cuore degli Ultras, i primi a scavare tra le macerie nelle convulse ore post terremoto, è davvero grande: «Abbiamo chiesto a una signora se necessitassero di qualcosa per il viaggio. E, nel nostro piccolo, abbiamo trovato il modo per essere d’aiuto con un supporto economico a cui tutti i ragazzi hanno contributo».

Una encomiabile colletta solidale prima di rimettersi in viaggio: «Dopo una chiacchierata, tra lacrime e abbracci abbiamo salutato quel pullman che ripartiva. Dal vetro un bimbo si è avvicinato ed ha teso la nostra sciarpa per salutarci. Quella scena non la scorderemo mai» hanno concluso i tifosi dell’Ascoli. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA