Ristori alle società locali, un salvagente per lo sport. Ecco come e quando ottenerli

Venerdì 14 Gennaio 2022 di Luca Marcolini
Ristori anche per lo sport

ASCOLI  - Con il Covid che continua a complicare la vita anche al mondo dello sport, l’Arengo torna a tendere una mano alle società e alle associazioni cittadine del settore per garantire contributi utili a tamponare le spese effettuate per le attività svolte nel 2021.

 

Un ulteriore piccolo salvagente per tenere a galla le realtà del comparto sport in città che cercano di resistere all’impatto della pandemia, dopo mesi di chiusure, restrizioni e protocolli. Su indirizzo del sindaco Marco Fioravanti e dell’assessore allo sport Nico Stallone, si è deciso di sbloccare un avviso pubblico, con domande da presentare entro il 31 gennaio, per erogare sostegni economici alle realtà che svolgono le attività sportive senza scopo di lucro. Mai come stavolta, si tratta di un rimborso anche per premiare gli sforzi fatti per andare avanti nonostante l’emergenza covid, in un momento in cui le necessità sanitarie hanno richiesto anche ulteriori sacrifici (come nel caso dell’hub vaccinale al palazzetto di Monticelli). 

Associazioni, società sportive e altri organismi del settore sport per poter ottenere i contributi comunali dovranno possedere i seguenti requisiti: aver svolto la propria attività nel 2021 nel territorio comunale ascolano e non aver riportato condanne per illecito sportivo da parte del Coni o degli organi di giustizia sportiva negli ultimi 5 anni. Non potranno essere liquidati i contributi eventualmente assegnati ai soggetti che dovessero risultare debitori o in contenzioso con il Comune di Ascoli. Le domande dovranno pervenire, entro il 31 gennaio, via mail, via posta o con consegna a mano all’Ufficio protocollo dell’Arengo. 

L’assegnazione dei contributi (la somma complessiva messa a disposizione dall’Arengo è di circa 21mila euro) avverrà secondo un ordine ben preciso. Prioritariamente, andranno a parziale o totale copertura delle spese sostenute e documentate per l’organizzazione di attività promozionali tese ad avvicinare i giovani appartenenti alle prime fasce di età (fino ad un massimo di 14 anni) alla pratica sportiva. Tali attività, da esplicarsi senza scopo di lucro, attuate nei tempi e nei modi codificati dal Coni e dalle federazioni sportive nazionali. In secondo luogo, contributi andranno a parziale o totale copertura delle spese sostenute per l’acquisto delle attrezzature sportive, arredi per impianti sportivi, lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria eseguiti negli impianti sportivi comunali. Inoltre, sostegni economici andranno a parziale copertura delle spese documentate per l’organizzazione di manifestazioni sportive di livello nazionale o internazionale, per l’organizzazione di convegni, seminari, congressi, tavole rotonde, a carattere nazionale o internazionale. Infine, contributi sono previsti per l’organizzazione di attività motorie per la terza età, per attività sportive inserite nei programmi dei Giochi della Gioventù, per manifestazioni sportive tra città gemellate con Ascoli. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA