La Saba stana i furbetti. Incassate le multe per gli sforamenti del primo semestre 2021

Palazzo Arengo
Palazzo Arengo
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 08:15


ASCOLI - L’unico effetto del Covid gradito agli automobilisti è forse quello legato al sensibile calo delle multe per la sosta senza ticket sugli spazi blu. Anche se, considerando pure il periodo del lockdown, sono comunque circa 1.200 le sanzioni pagate dai cittadini o dai visitatori tra il primo semestre del 2021 e il ricalcolo integrativo della Saba per quel che riguarda il 2019 e il 2020. Un dato in ribasso se raffrontato alle 1.538 sanzioni pagate e conteggiate dalla Saba in riferimento al 2019 (includendo però anche le multe del 2018 pagata in ritardo). 

 

Ma è chiaro che ad influire sul dato più recente c’è l’impossibilità dei cittadini di uscire di casa per alcuni mesi, oltre a quel primo accordo dell’Arengo con la società che gestisce la sosta per consentire ai residenti di parcheggiare per un periodo sugli stalli blu senza pagare. Di contro, c’è stato, però, anche l’effetto dei cantieri che ha ridotto in maniera evidente i posti disponibili per chi abita in centro, con qualcuno che ha, quindi, lasciato l’auto in sosta sugli stalli blu quando era finito il periodo di gratuità consentita. 

Stando all’ultima fattura presentata dalla Saba all’Arengo, ora in fase di liquidazione per circa 14.500 euro, relativa alle multe elevate su segnalazione degli ausiliari a chi ha parcheggiato senza ticket sulle strisce blu nel primo semestre dell’anno in corso ma sommando anche i ricalcoli relativi al 2019 e al 2020, le multe pagate risultano essere circa 1.200. Un calcolo che deriva dal fatto che la Saba percepisce una sorta di provvigione su ogni sanzione elevata e con somme incassate dal Comune che è di 10 euro più Iva. Un dato che è quindi in diminuzione se paragonato al numero di multe andate a buon fine negli anni prima dell’emergenza Covid, ma considerando i mesi di forti restrizioni appare comunque non trascurabile. Come detto, il dato attuale include il primo semestre del 2021 e il ricalcolo effettuato dalla Saba relativo ai conteggi degli anni 2019 e 2020. E chiaramente il dato stesso non include, ovviamente, le eventuali multe elevate ma non pagate dai cittadini. 

Andando a spulciare i dati precedenti in relazione alle sanzioni accertate sulle strisce blu dagli ausiliari per le quali la Saba ha presentato richiesta delle provvigioni all’Arengo, emerge che nel secondo semestre del 2019, in base al precedente conteggio, risultavano 568 le multe pagate. In quel periodo, dunque, si viaggiava ad una media di circa 100 sanzioni al mese (per la precisione 94), ovvero, entrando ancor più nel dettaglio e considerando le festività domenicali, 3,6 multe pagate ogni giorno per la sosta senza ticket. E il quadro del 2019, sulla base dei conteggi precedenti, evidenziava complessivamente 1.538 multe pagate dai cittadini, ad Ascoli, sempre per la sosta sui parcheggi blu. Questo perché nel primo semestre 2019 le sanzioni comminate risultavano addirittura 970 (anche per il pagamento ritardato di alcuni verbali del 2018). Proprio nell’ultimo anno prima del lockdown, dunque, si viaggiava complessivamente ad una media di 114 multe al mese. 

Con una media molto alta rispetto anche al passato. Considerando che nel 2018, ad esempio, le multe pagate nell’arco dell’intero anno erano state 607, ovvero circa 50 ascolani multati ogni mese per sosta senza ticket, per una media di 1,6 multati al giorno. Ma è chiaro che nel 2019 si erano conteggiate anche numerose multe comminate nell’anno precedente ma pagate in ritardo, un anno dopo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA