Ascoli, stadio Del Duca, la partita
si riapre per la tribuna Ovest

Stadio Del Duca, la partita
si riapre con il passaggio
della proprietà a Pulcinelli
ASCOLI - Palla al centro anche per il Del Duca. Con il passaggio di proprietà da Bellini a Pulcinelli dell’Ascoli, si sblocca anche il confronto sulla questione stadio tra la società di corso Vittorio e l’amministrazione comunale dopo i rapporti tesi dell’ultimo anno tra l’ex patron Francesco Bellini e il sindaco Guido Castelli. Segnali distensivi, in tal senso, sono stati mandati ieri nel corso della prima conferenza stampa della nuova dirigenza bianconera, da Giuliano Tosti. «Abbiamo incontrato il sindaco e ci assicurato la massima disponibilità - ha detto il nuovo presidente dell’Ascoli Fc -. Abbiamo voluto ringraziare il primo cittadino e la giunta per la disponibilità e gli sforzi fatti. Castelli ci ha promesso che per il prossimo mese di gennaio potremmo contare sulla nuova tribuna Est; nel frattempo, sin da subito, inizieremo a studiare una soluzione per la copertura di quella Ovest». L’amministrazione avrebbe già predisposto un progetto di massima per realizzare una copertura provvisoria sulla tribuna d’onore dell’impianto sportivo. La società bianconera, inoltre, sta studiando anche la possibilità di sfruttare per la prossima stagione sportiva anche la curva Nord che può tornare a disposizione dei tifosi bianconeri dopo che per la gara di ritorno dei play out dello scorso 31 maggio erano stati eseguiti i lavori per consentire di destinare il settore dei distinti est ai tifosi ospiti. L’idea di massima che verrà poi discussa ed approfondita nelle prossime settimane, è predisporre abbonamenti e pacchetti per le famiglie. A Giuliano Tosti ha risposto, a distanza di poco tempo, il sindaco Guido Castelli. «Ho incontrato sia il patron Pulcinelli che Giuliano Tosti con il quale mi sono intrattenuto in un clima sereno, disteso e costruttivo. Nell’occasione abbiamo scambiato alcune considerazioni sul futuro e ho manifestato la massima disponibilità del Comune a sostenere, per quanto di competenza, il progetto e gli sforzi della nuova società. Voltiamo pagina, ci siamo congedati auspicando per il Picchio un destino calcistico davvero all’altezza della sua storia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 11 Luglio 2018, 06:25 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2018 06:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO