Un'infermiera del Sert aggredita nell'abitazione di un paziente che era in cura dalla struttura

L'ospedale di Ascoli
L'ospedale di Ascoli
di Luigi Miozzi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Dicembre 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 19:50

ASCOLI - Sono stati momenti di paura quelli passati da una infermiera del Sert di Ascoli che nei giorni scorsi è stata aggredita da uno dei pazienti in cura presso la struttura di Ascoli. Un comportamento che probabilmente ha colto di sorpresa l’operatrice sanitaria che, però, è stata poi lesta a sfuggire al malintenzionato. Si tratta di un giovane da tempo in cura presso il servizio per le tossicodipendenze dell’Area vasta 5 che, avendo anche delle problematiche psichiatriche, viene seguito a domicilio. Per questo, l’infermiera si era recata nella sua abitazione di Ascoli dove vive con i familiari per consegnargli il metadone. 

 

Ma per qualche motivo, subito dopo aver suonato al campanello, ha dovuto fare i conti con la reazione dell’uomo che come ha visto l’operatrice sanitaria, l’ha aggredita. Sono stati momenti abbastanza concitati fino a quando la donna è riuscita a sfuggire alla presa del giovane, si è divincolata e lo ha poi tenuto a distanza. C’è voluto un po’ di tempo, ma poi è riuscita calmare il giovane e, di conseguenza, la situazione è divenuta più tranquilla. Ma di certo ha creato qualche preoccupazione e inquietudine nell’infermiera che, stando a quanto si apprende, starebbe valutando anche l’eventualità di denunciare il suo aggressore. Di certo, si è trattato di una brutta esperienza che avrebbe potuto avere delle serie conseguenze. Solo grazie alla prontezza della donna e alla sua reazione, è riuscita a mettersi in salvo. 

Purtroppo, si è trattato di un episodio dettato dalla condizione del giovane che, oltre a problemi di tossicodiopendenza, avrebbe anche delle complicanze psichiatriche che renderebbero il suo quadro clinico ancor più complicato. Ma nulla, fino a quel momento, aveva mai fatto pensare che ci potessero essere delle condizioni di pericolo per qualcuno, tanto più per chi gli forniva le cure a domicilio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA