Sedi alternative per le scuole: ci sono duemila studenti da spostare. Ecco le varie soluzioni

Domenica 19 Settembre 2021
La scuola media di Monticelli: gli studenti trasferiti a Tofare

ASCOLI  - Con i nuovi finanziamenti in arrivo per altre 5 strutture scolastiche-universitarie da adeguare dal punto di vista sismico, ora l’Arengo si prepara anche ad aggiornare il Piano delle sedi temporanee da individuare per il trasferimento degli studenti (oltre 2mila per le scuole cui si aggiungono adesso anche quelli universitari) nel momento in cui si partirà con i cantieri. In tal senso, però, è prevista entro la prossima settimana la definizione e pubblicazione dell’avviso pubblico per invitare tutti i proprietari di immobili da mettere a disposizione per le attività didattiche e accademiche a fare un passo avanti.

 


Un avviso che fa seguito a quello precedentemente pubblicato diversi mesi fa ma per il quale ora si è aggiustato il tiro tenendo conto delle sollecitazioni delle famiglie degli studenti di individuare soluzioni il più possibile vicini alle attuali sedi che si trasformeranno in cantieri. Su questo fronte, tra l’altro, considerando la difficoltà di riuscire a reperire un adeguato numero di sedi idonee, il sindaco Fioravanti e gli uffici tecnici comunali coordinati dall’architetto Galanti stanno ragionando anche su un possibile cronoprogramma che permetta di utilizzare le soluzioni temporanee facendo ruotare nelle stesse gli studenti man mano che si aprirà un cantiere e che i primi lavori consentiranno di poter rientrare in alcune delle sedi originarie.


L’Arengo dovrebbe pubblicare, come detto, entro la prossima settimana, il nuovo avviso per individuare le possibili sedi temporanee per ospitare gli studenti quando partiranno gli interventi per la messa in sicurezza delle scuole dal punto di vista antisismico. In tal senso, tra i parametri che, come richiesto da molti genitori, saranno presenti nel nuovo bando c’è innanzitutto la localizzazione di immobili nelle aree in cui sono attualmente presenti le varie sedi scolastiche. Ma, chiaramente, adesso il discorso risulterà sicuramente più complesso considerando che si renderanno necessari, in una fase successiva a quella già avviata per le prime 10 scuole e una palestra, spazi anche per le attività accademiche che si svolgono ora nelle 3 sedi da sistemare. L’obiettivo dell’Arengo è individuare in tempo il maggior numero di soluzioni possibili per trasferire già diversi studenti con l’avvio dell’anno scolastico 2022-2023 e far partire, quindi, diversi cantieri.


Attualmente sono tre le soluzioni-tampone già individuate e utilizzate per consentire lo sblocco dei primi tre cantieri: quello della scuola media di Monticelli (si sta preparando la gara di appalto) i cui studenti sono già da tempo nelle aule della scuola di Tofare, quello della primaria di Poggio di Bretta con trasferimento avvenuto lo scorso 15 settembre nella vicina scuola per l’infanzia e, sempre dall’inizio di questo anno scolastico, quello della primaria Carducci con spostamento degli alunni nella vicina sede delle Suore pie operaie. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA