Gli alunni subito trasferiti da alcune scuole a rischio sisimico per permettere l'inizio dei lavori

Mercoledì 8 Settembre 2021 di Luca Marcolini
La scuola elementare di via Napoli

ASCOLI - Quando sta ormai per suonare la prima campanella per l’avvio del nuovo anno scolastico, a Palazzo Arengo arriva una ulteriore buona notizia con lo sblocco dei finanziamenti anche per l’intervento antisismico sulla scuola di Sant’Agostino. E nel frattempo si procede verso i primi interventi di adeguamento sismico in undici scuole comunali e, soprattutto, si anticipano già al 15 settembre i primi trasferimenti di studenti.

 

 

È il caso degli alunni della primaria “Cagnucci” che, con determina dell’Amministrazione comunale, si sposteranno già per l’anno scolastico 2021-2022 nelle aule disponibili nella vicina scuola dell’Istituto suore pie operaie in via Napoli, al fine di consentire la programmazione dei lavori previsti proprio alla “Cagnucci”. Il sindaco Fioravanti, infatti, d’intesa con gli uffici comunali, ha sbloccato l’accordo che consentirà l’utilizzo degli spazi disponibili – si sta già definendo il trasloco degli arredi - nella vicina sede scolastica di via Napoli già dal prossimo 15 settembre, così come avverrà anche per la Poggio di Bretta (con trasferimento nel vicino asilo).

Una forte accelerazione è stata impressa dall’Arengo, in quest’ultimo periodo, per partire con i primi cantieri di adeguamento sismico delle scuole. In tal senso, si è deciso di partire sin dall’inizio del prossimo anno scolastico, ovvero dal 15 settembre, con il trasferimento di alunni nelle prime due sedi temporanee individuate dal sindaco insieme al dirigente Galanti: quelli della primaria di Poggio di Bretta si sposteranno in alcune aule del vicino asilo, mentre quelli della “Cagnucci” andranno in via Napoli. In quest’ultimo caso, grazie all’intesa con l’Istituto suore pie operaie, gli alunni che si trasferiranno svolgeranno l’attività didattica in diversi spazi disponibili. Al primo piano saranno ospitate sei classi (una verrà utilizzata come sala docenti). Il piano di 395 metri quadrati sarà ad uso esclusivo delle attività della “Cagnucci” (a parte la cappella). Un’altra classe sarà ospitata in un’aula al secondo piano. Inoltre, si condivideranno, in base ad orari da stabilire, anche il locale palestra, gli spogliatoi, i servizi e l’atrio esterno per attività sportive. Al piano terra, invece, ci saranno aree comuni per ingresso alunni, reception e zona accoglienza.

Buone notizie in arrivo, sul fronte ministeriale, per quanto riguarda lo sblocco dei finanziamenti, pari a due milioni di euro, anche per l’adeguamento sismico della scuola primaria di Sant’Agostino. A confermarlo è lo stesso sindaco Fioravanti che sta seguendo direttamente il programma di interventi sulle scuole in stretto raccordo con il dirigente Galanti. Palazzo Arengo aveva presentato alcuni mesi fa il progetto con richiesta di contributo per intervenire sulla struttura scolastica con lavori per la messa in sicurezza dal punto di vista sismico. La richiesta era stata presentata, dall’Amministrazione comunale, sbloccando in tempi record addirittura il progetto esecutivo e partecipando ad uno specifico bando del Ministero. Si tratta di un intervento importante quanto necessario, nella sede scolastica in pieno centro, alla luce anche della verifica dell’indice di vulnerabilità sismica.

A questo punto, considerando proprio che il progetto esecutivo è già stato approvato, gli uffici tecnici dell’Arengo potranno avviare le procedure per poter definire il bando di gara per l’appalto dei lavori di miglioramento sismico (l’adeguamento non è possibile trattandosi di un immobile datato in pieno centro storico). Con l’inserimento della scuola di Sant’Agostino, ora salgono a 12 le sedi scolastiche su cui si interverrà dal punto di vista della sicurezza antisismica. Sul fronte della progettazione, con l’avvio delle procedure di affidamento per la “Cagnucci” e la scuola di Tofare, tutte le gare sono in corso o si sono già concluse.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA