Ascoli, mancano i fondi: una maxi-classe di 28 alunni verrà sdoppiata. Studenti pronti a traslocare

Ascoli, mancano i fondi: una maxi-classe di 28 alunni verrà sdoppiata. Studenti pronti a traslocare
Ascoli, mancano i fondi: una maxi-classe di 28 alunni verrà sdoppiata. Studenti pronti a traslocare
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Settembre 2022, 03:10 - Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 18:53

ASCOLI - La scuola di Sant’Agostino si prepara a trasformarsi in cantiere mentre docenti e studenti si trasferiscono, per il nuovo anno scolastico, alla D’Azeglio e alla Ceci, le due sedi che concederanno alcuni spazi disponibili per accogliere, come già annunciato, rispettivamente gli alunni della Primaria e i bimbi della scuola dell’infanzia del plesso che si affaccia sull’omonima piazza.

Un duplice trasloco già effettuato che si è reso necessario, dopo una serie di confronti tra l’Arengo - con il sindaco Marco Fioravanti, l’assessore Donatella Ferretti e i tecnici - la dirigente scolastica Valentina Bellini e i rappresentanti dei genitori, per consentire l’avvio dell’intervento di miglioramento sismico dell’edificio. Il tutto grazie ad un finanziamento di 1,6 milioni. E con il cantiere di Sant’Agostino, dopo quelli per la Media di Monticelli e la Primaria di Poggio di Bretta, saranno tre gli interventi avviati per la messa in sicurezza antisismica delle scuole.

Il trasferimento



«Siamo pronti per il trasferimento – spiega la Bellini, dirigente scolastica dell’isc Ascoli centro, che ricomprende la scuola di Sant’Agostino – che vedrà con l’inizio dell’anno scolastico 4 classi della Primaria operare in aule disponibili alla D’Azeglio, che ospita già anche la Primaria di San Domenico. Mentre altre 3 classi, ma della scuola per l’infanzia, si sposteranno al plesso della Ceci, dove c’erano alcuni spazi disponibili. È stata individuata una soluzione che per quanto riguarda la maggioranza dei genitori degli alunni della primaria è stata accolta positivamente, rimanendo nell’ambito del centro. C’è, comunque, qualcuno che ha deciso di spostarsi alla Malaspina o in altre sedi. Qualche disagio in più riguarderà le classi dell’infanzia, con una sede un po’ più distante, a Borgo Solestà, ma si tratterà comunque di una soluzione temporanea. E in tal senso sarà importante il servizio di trasporto scolastico che il Comune sta riorganizzando proprio per le nuove esigenze». 

Scuola Malaspina
 

In vista del nuovo anno scolastico, alla scuola Malaspina, sempre nell’Isc Ascoli centro, si è reso necessario un potenziamento delle docenze per la presenza di una maxi-classe con 28 alunni. «A fronte della richiesta per la creazione di una prima classe alla Falcone e Borsellino di Borgo Chiaro – spiega la dirigente Bellini – respinta dall’Ufficio scolastico per mancanza del numero minimo di iscritti, ci si è trovati con una classe a tempo normale inizialmente composta da 29-30 alunni, ora scesi a 28. Quindi, per cercare di ridurre il numero di alunni in aula per almeno due terzi dell’orario abbiamo fatto ricorso al potenziamento del corpo docente in base a quanto possibile con le dotazioni previste, sdoppiando la classe durante le lezioni di italiano e matematica e ricorrendo all’accorpamento solo per una minima parte dell’orario settimanale. Ma non è possibile coprire tutto l’orario con il budget per il potenziamento, dovendo lasciare un minimo margine operativo in caso di altre necessità relative a tutte le altre classi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA