Medicina d’urgenza, ecco gli aiuti dagli altri reparti: saranno su base volontaria e verranno utilizzati nel pomeriggio

Medicina d urgenza, ecco gli aiuti dagli altri reparti: saranno su base volontaria e verranno utilizzati nel pomeriggio
Medicina d’urgenza, ecco gli aiuti dagli altri reparti: saranno su base volontaria e verranno utilizzati nel pomeriggio
di Cristiano Pietropaolo
4 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 02:05 - Ultimo aggiornamento: 07:20

ASCOLI -  Il Cimo, il sindacato dei medici evidenzia la carenza di medici al pronto soccorso del Mazzoni. «Al pronto soccorso di Ascoli non risultano coperti i turni dei medici per la settimana in corso e risultano scoperti alcuni turni per la medicina d’urgenza dove, a meno di interventi dell’ultimo minuto, non sarebbe garantita la presenza del medico nel pomeriggio, come previsto dalle norme.

Una carenza che si aggiunge alla mancanza del medico dedicato anche di notte, come invece previsto dalla normativa- spiega Andrea Piccinini del sindacato Cimo -Una situazione in continuo peggioramento, che ha già portato ad un depotenziamento della medicina d’urgenza di San Benedetto e che ora si estende ad interessare tutta l’Area Vasta 5 e che comporterà ulteriori disagi per i cittadini e per gli operatori sanitari. Tale situazione è nota da tempo - spiega - Sono 4 i medici mancanti nel pronto soccorso rispetto all’estate scorsa e tali carenze sono state ampiamente segnalate alla direzione di Area Vasta». 
Le lacune
La rappresentanza sindacale unitaria, intanto denuncia «La gravissima situazione in cui versa il servizio sanitario piceno e le conseguenze derivanti dall’eventuale perequazione dei finanziamenti e dei fondi contrattuali entro il 2022». «Da anni il reparto versa in difficili situazioni per mancanza di medici, come in tutta Italia - evidenzia il primario del pronto soccorso, Gianfilippo Renzi - Siamo sempre riusciti, con sacrifici, a mandare in ferie i nostri medici anche con il mio apporto. Lo scorso anno avevamo 4 elementi in più che adesso non abbiamo. Facendo qualche sacrificio, riusciamo a coprire i turni fino alla metà di luglio. Successivamente, abbiamo la necessità di coprire alcuni turni pomeridiani della Murg. Abbiamo deciso di individuare una rosa di medici che verranno chiamati a collaborare per coprire questi turni- prosegue Renzi- Si tratta di medici che lavorano in altri reparti che non avranno difficoltà a gestire una cartella. Avranno una retribuzione aggiuntiva, saranno su base volontaria, saranno utilizzati solo di pomeriggio e solamente nella Murg, mentre il Pronto Soccorso manterrà i suoi turni e i suoi medici- spiega Renzi - Attualmente abbiamo una media di 80 accessi al giorno». 


Le assenze
« C’è qualche operatore sanitario in malattia da Covid e bisogna rimodulare l’attività per andare avanti ma non abbiamo chiuso nulla. Nefrologia e Urologia, a settembre, torneranno separate- aggiunge Giancarlo Viviani, direttore sanitario - Abbiamo sempre garantito gli interventi programmati». «Per garantire le ferie e le normative, abbiamo preso in considerazione l’idea di ridurre il numero di posti letto da 12 a 8 - spiega Ermanno Ruffini, primario di Pediatria - In caso di casi Covid pediatrici, se c’è bisogno del ricovero, ci sarà il trasferimento ad Ancona, altrimenti saranno curati a casa». Intanto il team degli infermieri e medici di Nefrologia e Dialisi dell’Area Vasta 5 ha vinto il premio “Mioli”, conferito alla migliore comunicazione in ambito infermieristico. La comunicazione, presentata dalla dottoressa Antonella Chiodi, insieme alle dottoresse Vanessa Reali, Jessica Camela, Lorena Furbo e coadiuvate da Vincenzo Trovarelli, ha come titolo “Revisione critica dopo implementazione dell’ago cannula.

© RIPRODUZIONE RISERVATA