Sacchi e mobili abbandonati in strada: i rifiuti invadono il parcheggio per disabili

Giovedì 24 Settembre 2020 di Cristiano Pietropaolo
Ascoli, sacchi e mobili abbandonati in strada: i rifiuti invadono il parcheggio per disabili

ASCOLI - Non accenna ad arrestarsi la maleducazione di qualcuno che, imperterrito, continua a gettare rifiuti in strada in barba a tutte le leggi e alla civile convivenza. La zona interessata è via Paliotti, proprio nelle vicinanza del sestiere di Porta Solestà.

LEGGI ANCHE:
Tremendo schianto sulla Statale: arriva l'eliambulanza per un motociclista

Rosa non ce l'ha fatta: la titolare del Grottino prima vittima Covid del Piceno dopo il lockdown

In quella via qualche ineducato si prodiga a scaricare continuamente diversi sacchetti di immondizia ma anche qualche vecchio mobilio, pezzi di polistirolo e scatolame vario. In quel tratto c’è anche un posto riservato alle persone con disabilità ed il marciapiede non è praticabile da chi scende in carrozzina. Dunque oltre al danno c’è anche la beffa per chi, in quel punto, non può spostarsi.
 
Le voci 
«E’ un vero e proprio scempio. C’è una signora che passa con la carrozzina che ogni volta deve attraversare la strada perché quel punto è praticamente inaccessibile per lei» ci racconta una residente della zona, « Questa situazione va ormai avanti da quando è partita la raccolta differenziata ma da 3-4 mesi la situazione è peggiorata. Abbiamo proposto ad Ascoli Servizi Comunali di installare le fototrappole come già fatto in altre zone. Perché questi dispositivi ci sono già in altre zone e non qui?» spiega la residente «Ogni volta che ci affacciamo dalla finestra vediamo questa bruttura. Anche alcuni nostri vicini hanno chiamato chi di dovere ma non ci sono controlli. Non ho mai visto nemmeno i controlli da parte della Polizia Locale. Per non parlare anche del cattivo odore che sentiamo sopratutto d’estate visto che ci viviamo proprio davanti e spesso non posso stare nella nostra veranda per questo motivo» aggiunge la residente « Non c’è modo di trovare soluzione. Stiamo pensando anche di fare una denuncia, è una situazione che va avanti ormai da troppo tempo».

La protesta 
«Non possiamo che essere contrari a queste situazioni. Ogni volta che ci viene segnalata una situazione del genere ci rivolgiamo ad Ascoli Servizi Comunali per risolvere la questione» dice Sabrina Petrucci di Marche rifiuti zero, « Non possiamo comportarci sempre come se fossimo dietro a dei bambini maleducati, bisogna essere responsabili. Ci sono servizi gratuiti di ritiro che possono essere utilizzati se si hanno problemi con alcuni rifiuti. Questo fenomeno è la dimostrazione della più alta forma di maleducazione. Il riciclo e il riutilizzo deve essere incentivato ma almeno bisognerebbe buttarli nel posto giusto, non disperderli nell’ambiente evitando di rovinare le nostre bellezze naturali» spiega « E’ un comportamento di pochi che getta fango sul lavoro di tutti i cittadini ascolani che invece sono bravissimi, visto che Ascoli ha superato le percentuali di raccolta differenziata».

Ultimo aggiornamento: 10:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA