Stasera il sorteggio dei cavalieri, figuranti anche in fila indiana nel corteo per rispettare il distanziamento

Venerdì 9 Luglio 2021 di di Cristiano Pietropaolo
La precedente cerimonia della Madonna della Pace

ASCOLI - Mercoledì sera si sono svolte le prove generali della Quintana che si sono tenute nella massima sicurezza. Tutti distanziati e con mascherina hanno testato le novità introdotte a causa della pandemia. Il coreografo Mirko Isopi si ritiene soddisfatto. «Le prove sono andate molto bene, sono state lineari e precise. Per la prima volta sono state vere prove, con compostezza, serietà, senso di appartenenza e voglia di apprendere qualcosa di nuovo» dice Isopi.

 

 
Le prove al campo
«Ci sono stati due tre passaggi tecnici nuovi che verranno metabolizzati, come la nuova sciamata che non ci sarà per ovvi motivi: c’è stata un pò di esitazione, ma durante il corteo c’è stato il giusto distanziamento, ma anche una partecipazione importante. E’ trapelata la voglia di scrivere una pagina nuova per Ascoli e la Quintana» spiega Isopi « Il clima è di ottimismo: in tanti mi hanno chiamato per chiedere chiarimenti sui nuovi passaggi ma sono sicuro che queste piccole situazioni si trasformeranno in energia positiva» evidenzia il coreografo. 


La cerimonia
Anche lo svolgimento della manifestazione in onore della Madonna della Pace (con il sorteggio dei cavalieri) che si svolgerà stasera subirà delle ovvie modifiche. « Il corteo partirà alle 18:30 da Palazzo Arengo, per poi prelevare le magistrature a Palazzo dei Capitani per poi arrivare a Piazza Sant’Agostino. Per ragioni di protocollo antiCovid, solo il sestiere vincitore della Giostra di luglio 2019 (Porta Solestà, ndr) accompagnerà i capitani che saranno i preposti ad andare nella chiesa per prelevare l’effigie della Madonna della Pace» prosegue Isopi. « La formazione integrale sarà solo quella di Porta Solestà: gli altri saranno presenti solo con console, gonfalone e due valletti. Nella piazza ci sono lavori in corso e non c’è molto spazio: abbiamo optato per una cerimonia essenziale ma significativa. Ci saranno anche due poliziotti in alta uniforme» aggiunge Isopi. « Sul green pass, molti non lo hanno ancora ricevuto ma avranno un certificato rilasciato da Asur che dimostra l’avvenuta vaccinazione». «I cavalieri erano molto soddisfatti del terreno della pista. Quando il cavallo si appresta a fare la curva in stile “motociclistico” lo zoccolo aderiva perfettamente a terra, dando stabilità in ingresso e in uscita, consentendo di poter poi mirare bene verso il Moro» aggiunge il coreografo della Quintana « Maurizio Celani ha lavorato alla perfezione e da anni ha saputo esprimere al meglio un campo che è ad altissimi livelli: in Italia non credo ce ne sia uno così ben fatto» prosegue Isopi. 


La sicurezza
In prospettiva futura, tutti gli appassionati della Giostra ascolani sperano che nella prossima edizione, la Giostra possa tornare quella di una volta. « Noi lavoriamo nel massimo della sicurezza. Abbiamo rispettato il protocollo e lo faremo rispettare a tutti. I figuranti sono preposti e addestrati affinché nei punti critici e nelle strettoie, verrà garantita l’assenza del pubblico in quei punti attraverso le forze dell’ordine. Se il corteo sarà costretto ad evitare il distanziamento, andrà da una fila formata da tre persone ad una fila indiana per poi riprendere la corretta configurazione dopo aver superato l’ostacolo» ripete Isopi « Nulla è stato trascurato e lasciato al caso. Dobbiamo essere perfetti. Non andiamo a combattere, ma a vincere. Il mio operato sarà valutato nelle sedi opportune e, in base a tutto quello che succederà e a come avremo operato, si valuterà o meno un nuovo protocollo per la Giostra di agosto. Ci sarà anche un cerimoniale molto toccante, con il silenzio che verrà suonato da Ugo Feriozzi insieme ai carabinieri e ai poliziotti a cavallo dopo che tutti i figuranti si saranno seduti. Il Magnifico Messere, infine, consegnerà al direttore dell’Area Vasta 5 Milani un omaggio per celebrare i sanitari in prima linea contro la pandemia». 


Il distanziamento
« Faccio un plauso a Mirko Isopi e a tutti i maestri per come hanno gestito la situazione e l’attenzione messa in campo dai consoli e dai figuranti, segno di grande responsabilità da parte di tutti» aggiunge il presidente del Consiglio degli Anziani Massimo Massetti. « Vedere tutti distanziati e con la mascherina ben indossata, fa capire che la responsabilità è alta per gestire bene il momento che si sta vivendo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA