Si staccano pietre e detriti dalle antiche mura romane, paura per gli automobilisti

Giovedì 4 Marzo 2021 di di Filippo Ferretti
Si staccano pietre e detriti dalle antiche mura romane, paura per gli automobilisti

ASCOLI - Cadono pietre dalle antiche cinte murarie che portano alla Fortezza Pia. Nelle ultime ore è accaduto nel tratto di Porta Romana, poco distante dalla Porta Gemina, una fra le più belle e importanti porte della città. Recentemente sono stati tanti i cittadini che hanno rinvenuto alla fine di via Oberdan numerosi detriti staccatisi dalle mura romane, costruzioni che in quel punto vanno verso l’alto sino a raggiungere il colle dell’Annunziata. 

 


I cedimenti, causati probabilmente dallo scorrere del tempo ma anche dai numerosi sciami sismici avvenuti negli ultimi anni, hanno finito con l’indebolire la costruzione romana, risalente al primo secolo avanti Cristo. Il cedimento ha provocato molto timore presso i passanti e i residenti del quartiere di Porta Romana. In particolare alcuni abitanti hanno temuto che potessero essere danneggiate le automobili parcheggiate nei pressi della sede del sestiere di porta Romana. 


Nei mesi scorsi, anche in tratti più vicini alla Fortezza Pia, era stato necessario ricorrere a protezioni delle antiche mura, perché le pietre provenivano da punti particolarmente a rischio, situati lungo la strada che si dirige a Rosara. Una zona quest’ultima, dove era già avvenuto un problema analogo, con il crollo di grossi massi di pietra, squadrati e non cementati tra loro. Tutto il lungo tratto murario romano da tanto tempo risulta essere anche completamente invaso dalla vegetazione e lasciato nell’incuria. A confermare lo stato di abbandono sono i percorsi a piedi che costeggiano le cinta, attualmente assolutamente impraticabili. Per ovviare a questo grave pericolo è stata da poco approvata dall’Arengo la variante al progetto definitivo per la riqualificazione del Parco dell’Annunziata e della Fortezza Pia. 


Un impegno necessario, che prevede un costo complessivo di 520mila euro, suddiviso in vari stralci, compreso il consolidamento e la riqualificazione della struttura romana. L’intervento vedrà riqualificare anche le scalinate adiacenti e la messa in sicurezza delle alberature pericolose, oltre ad una attenta pulizia del verde circostante e una nuova illuminazione artistica delle mura, oggi molto precaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA