Spariscono anche i giochi per i bambini e atti vandalici nella piazza in stato di abbandono del quartiere

Lunedì 6 Settembre 2021 di Filippo Ferretti
I giochi in piazza Diaz

ASCOLI - È da sempre uno dei pochi luoghi della città con giochi per i bambini. Parliamo di piazza Diaz a campo Parignano, che soprattutto d’estate rappresenta un’oasi per gli anziani e i bambini che restano in città. Purtroppo, però, questo angolo di grande valenza sociale, riqualificato dal Comune una decina di anni fa, è tornato nuovamente nell’incuria. Nel corso di tutto questo tempo, la piazzetta ha subito vandalismi che, a più riprese, hanno infierito su panchine e altalene, lasciando dietro le loro bravate una scia di danni evidenti, a partire dagli imbrattamenti lungo le superfici murarie degli edifici circostanti. Negli ultimi giorni poi sono spariti anche dei giochi. 

Baby vandali, bivacco selvaggio in parchi e giardini. Non c’è soltanto Villa San Martino: incursioni a Celletta, Pentagono e Villa Fastiggi

 
Per questo motivo, l’Arengo ha pensato ad un certo punto di introdurre nuovi giochi e tutelarli, inserendoli in una area protetta della piazza, che potesse essere chiusa di notte e quindi non lasciata alla mercè dei barbari. Purtroppo, lungo questi ultimi mesi, l’area giochi ad est della piazza è rimasta chiusa e quindi inaccessibile allo svago dei tanti bambini del quartiere. Il tutto senza lasciare alcuna spiegazione o indicazione circa la data di riapertura. Ma lo spazio ludico incatenato non è il solo a destare preoccupazione tra i residenti, che attualmente devono fare i conti su prati totalmente distrutti e privi d’erba, oltre che su una situazione di poco controllo da parte delle forze dell’ordine, specialmente di sera. Gli abitanti sono giustamente arrabbiati, perché oltretutto si tratterebbe dell’unica piazza di Campo Parignano. «Questo disinteresse ci rende furiosi, perché si tratta di un posto frequentato giornalmente da decine di persone che meriterebbe una maggiore attenzione» spiega un gruppo di pensionati habituè, rappresentati dal signor Emidio Celani, pronto a sottolineare lo stato di abbandono dell’intera area. «Scusate ma senza erba a cosa serve aver pensato ad un apposito impianto di irrigazione automatica? » interviene Irina Radchenko, mentre è intenta ad accompagnare un’anziana. Rabbia anche da parte dei rappresentanti del Coordinamento Antidegrado per Ascoli che sono tornati sull’argomento per evidenziare il problema dell’area giochi chiusa e per sollecitare l’Arengo. 

 

Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA