I due centri vaccinali aperti anche di notte. Avviati i lavori di adeguamento al palasport di Monticelli e Casa della gioventù

Mercoledì 7 Aprile 2021 di Luca Marcolini
Il centro vaccinazioni di Monticelli

ASCOLI - La Casa della gioventù, a Pennile di sotto, si trasforma ormai, seppur gradualmente nella Casa della sanità. Una scelta obbligata per l’Arengo di fronte ad una campagna di massa per vaccinazioni Covid che si amplia sempre di più per arrivare, gradualmente, fino all’interessamento della fascia più ampia della popolazione, tra i 16 e i 59 anni.

LEGGI ANCHE:

Otto punti vaccinali nel Piceno, saranno assegnati ai medici di base. Ecco dove saranno aperti

 

Una trasformazione della struttura da utilizzare che ha portato in questa fase l’amministrazione comunale all’affidamento di lavori per adeguare la struttura alla nuova funzione, così come sta avvenendo anche per l’altro punto vaccinale, ovvero il palazzetto dello sport a Monticelli. Si tratta, di fatto, di interventi da realizzare per poter ampliare innanzitutto le postazioni interne alle due strutture per la somministrazione dei vaccini, ma anche per realizzare dei percorsi esterni in sicurezza adeguatamente illuminati, anche per farsi trovare pronti nel caso di un’eventuale decisione di prolungamento delle vaccinazioni, qualora necessario e se il personale sanitario si renderà disponibile, anche nella fascia serale.

Adeguamenti, in definitiva, che possano favorire flussi più consistenti di persone durante la fase più “calda” della campagna vaccinale. Inoltre, alla Casa della gioventù è prevista anche la realizzazione di una serie di interventi per favorire l’accesso e l’attesa anche alle persone disabili o con handicap. Il sindaco Fioravanti, in raccordo con l’Area vasta 5, sta dunque cercando di per rendere il più efficienti e sicure possibili le procedure di somministrazione dei vaccini ad un numero sempre più consistente di persone nelle due strutture comunali messe a disposizione. Proprio per perfezionare tutta l’organizzazione logistica garantendo la massima sicurezza, il sindaco Fioravanti ha voluto accelerare i tempi e affidare tutti gli interventi necessari ad adeguare le due strutture comunali a disposizione dell’Area vasta 5 per le vaccinazioni Covid. L’obiettivo evidente è riuscire a garantire senza problemi il flusso del maggior numero di persone che devono sottoporsi a vaccinazione Covid, consentendo, quindi, un incremento del numero di postazioni mediche, di realizzazione e adeguata illuminazione di percorsi esterni, di percorsi specifici per le persone con handicap.


Nello specifico, l’amministrazione comunale dopo aver affidato i lavori (con modifiche agli impianti elettrici) per allestire il maggior numero di postazioni vaccinali sia al palazzetto di Monticelli che alla Casa della gioventù a Pennile di sotto (proprio per consentire l’effettuazione di un più elevato numero di vaccinazioni), ha anche sbloccato gli interventi per definire i percorsi esterni alle strutture consentendone anche una adeguata illuminazione. Inoltre, come detto, è stato deciso di realizzare, alla Casa della gioventù, un piazzale per portatori di handicap con collegato vialetto riservato loro per poter accedere alla struttura, con ingresso dotato di specifica pedana per superare ogni problema di accesso.


Sul fronte operativo, inoltre, resteranno confermati i presidi esterni con polizia municipale e volontari per evitare assembramenti. Così come si riserveranno - come già avvenuto in precedenza - alcuni stalli per la sosta temporanea delle auto di chi deve vaccinarsi. L’invito ai cittadini è di partecipare alla vaccinazione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA