Troppi eventi in centro storico, bancarelle del mercato ambulante trasferite in periferia

Troppi eventi in centro storico, bancarelle del mercato ambulante trasferite in periferia
Troppi eventi in centro storico, bancarelle del mercato ambulante trasferite in periferia
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Ottobre 2022, 04:05

ASCOLI - Il mercato ambulante di piazza Arringo si prepara a traslocare, già dal 15 ottobre e poi fino a metà gennaio 2023, a causa delle presenza di eventi e iniziative che occuperanno il tradizionale spazio dedicato alle bancarelle. Ed in tale direzione, la soluzione individuata dall’Arengo, come avvenuto già in passato, è quella dello spostamento in piazza del Popolo e, in caso di ulteriori iniziative previste nel salotto cittadino, in via Kennedy, accorpandosi con le bancarelle del mercato di Porta Maggiore. Più nello specifico, a rendere necessario il trasferimento da piazza Arringo, come conferma l’ordinanza del sindaco in merito, è proprio la programmazione degli eventi, considerando anche tutto il discorso delle festività natalizie. 

 

In particolare, come emerso anche da due riunioni che si sono svolte il 20 e il 26 settembre scorsi, emerge che il 15 (già dal mattino) e il 16 ottobre piazza Arringo sarà occupata dal Mercatino dell’antiquariato, così come anche l’8, il 9, il 10 e l’11 dicembre. Poi, dal 24 novembre al 13 gennaio la stessa piazza sarà occupata dal villaggio di Natale. 
Dunque, per tutto quel periodo le bancarelle dovrebbero trasferirsi in piazza del Popolo. Ma, in realtà, dovranno spostarsi in via Kennedy in alcune delle giornate di mercato nelle quali anche il salotto cittadino sarà occupato per iniziative ed eventi. Per la precisione, la piazza principale non potrà ospitare il mercato il 15 ottobre perché occupata dall’allestimento del Mercatino dell’antiquariato, così come il 10 dicembre e poi il 31 dicembre perché si dovrà allestire piazza del Popolo per i festeggiamenti del Capodanno; il 4 gennaio per l’allestimento dell’evento per l’Epifania e il 7 gennaio perché sempre nel salotto cittadino ci saranno le operazioni di disallestimento dopo le festività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA