Olive ascolane e un letto per dormire: Zè Migliori inaugura il suo b&b con vista sulla cattedrale

Nazzareno Migliori e la moglie Marinella Filipponio
Nazzareno Migliori e la moglie Marinella Filipponio
di Filippo Ferretti
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 04:05

ASCOLI - La città è sempre più protesa verso il turismo. Per potenziare l’accoglienza, Nazzareno Migliori ha deciso di creare un bed and breakfast di livello, che da ieri opera nei piani superiori del suo punto-vendita in piazza Arringo. 
 

Per colui che è considerato il re delle olive all’ascolana, la nuova attività consentirà di ospitare chi si rivolge a lui non solo per gustare i prodotti tipici locali. La struttura si compone di otto camere realizzate con arredi studiati appositamente in linea con lo scenario architettonico in cui sono inseriti, all’interno di un antico palazzo che garantisce 15 posti letto all’interno di ambienti raffinati, molti dei quali si affacciano nella piazza, verso la Cattedrale. «La location in cui sono collocate le camere di certo farà la differenza, con una visuale che fa gola a tanti» esordisce l’imprenditore ascolano, che nella costruzione e nella conduzione del b&b “Migliori olive ascolane & Bed” è affiancato da sua moglie Marinella Filipponio, che ha attentamente seguito le scelte dei materiali. «Le prime colazioni saranno servite direttamente nel locale di gastronomia a pian terreno» spiega Migliori, segnalando l’ottimo lavoro svolto dall’architetto Serafino Guaiani, in grado di ottenere il meglio negli spazi a disposizione. Mentre l’oliva farcita rimane la pietanza in grado di causare lunghe code a pranzo in piazza Arringo da Migliori, grazie alla fortunata modalità al cartoccio, di sera il capoluogo piceno sta offrendo nuove soluzioni per aperitivi, drink e degustazioni. 

È stato appena inaugurata Clorofilla, l’Oasi del gusto, attività all’aperto di proprietà di Anastasia Ciotti in via Porta Torricella, a due passi dal parcheggio coperto ed alle porte del centro storico. L’attività è stata allestita su due distinti livelli – presso la terrazza sopra il bar e lungo il prato che cinge il torrente Castellano e intende essere il luogo dedito al relax e al divertimento nelle calde sere d’estate. Un punto di ritrovo fresco ed elegante dove poter sorseggiare e mangiare con immancabile musica in sottofondo sino ad un massimo di 400 persone. 

In un altro scenario suggestivo, quello di piazza Roma, proprio alla fine di via del Trivio, Soqquadro propone un connubio sorprendente. Lo chef dei lievitati Mirko Petracci ha voluto lanciare una nuova formula, in grado di abbinare la sua pizza d’autore con le bollicine. Il risultato, sorprendente, ha subito entusiasmato soprattutto i turisti, attirati dalla preparazione di pizze gourmet realizzate con farine e procedimenti speciali e vini frizzantini italiani. «Un modo per comporre il proprio aperitivo in quadri e bolle: tutto all’insegna della qualità» ha spiegato Petracci, evidenziando soprattutto la presenza di cantine locali all’operazione, inedita in Italia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA