L’oliva tenera ascolana c’è ma non chi la raccoglie: ecco come si proverà a superare il problema

L oliva tenera ascolana c è ma non chi la raccoglie: ecco come si proverà a superare il problema
L’oliva tenera ascolana c’è ma non chi la raccoglie: ecco come si proverà a superare il problema
di Cristiano Pietropaolo
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 05:20 - Ultimo aggiornamento: 16:45

ASCOLI - I notevoli cambiamenti climatici hanno determinato una maturazione anticipata delle olive. Ma ci sono altre difficoltà per i produttori: è diventato molto complicato, infatti, trovare operai per la raccolta dell’oliva tenera ascolana. «Abbiamo grossi problemi per la raccolta delle olive


Le macchine


Domani, insieme alla Politecnica e la Cia, faremo una prova per la raccolta meccanica dell’oliva tenera ascolana per valutare se questa è una nuova strada possibile - spiega Ugo Marcelli della cooperativa “Case Rosse”- Dobbiamo valutare l’opportunità di utilizzare questa strada che potremo intraprendere se l’oliva non si ammacca. Sto seguendo diversi impianti di oliva tenera ascolana, impostando tutto su questo tipo di raccolta. Sono macchinari che hanno un costo, ma con uno di questi riesco a fare uno-due ettari al giorno, che otto persone possono riuscire a coprire in una settimana- prosegue Marcelli - Per avere un olio buono, minore è il tempo che intercorre tra la raccolta e la molitura, maggiore è la qualità del prodotto. Di solito con 7-8 persone si riusciva a fare tutto il lavoro. Mentre prima si riusciva a trovare persone, adesso non si trova più nessuno- prosegue Marcelli- La cosa riguarda anche le altre attività, come i ristoranti. Io ho sei ettari di oliva ascolana, di cui due irrigui e gli altri no. I 4 ettari, attualmente, stanno messi malissimo, le drupe sono piccole, ma dove c’è l’acqua, l’oliva è buona. Se la pianta è stressata, l’olio è sbilanciato e questo vale per tutti i tipi di frutta. Lo stress qualitativo influisce molto».

Valenti: «Pagamento garantito ma non basta»

«E’ una difficoltà che in agricoltura c’è sempre stata. I produttori mi dicono che non si trova più nessuno per la raccolta delle olive, anche se il pagamento viene sempre garantito, le difficoltà ci sono- spiega il presidente del Consorzio Tutela Valorizzazione Oliva Ascolana del Piceno Dopo Primo Valenti - Sull’oliva ascolana stiamo sperimentando la raccolta meccanizzata, una novità assoluta. Se questa cosa funziona, sarebbe una svolta anche se ci sono ancora dei punti interrogativi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA