Ascoli, si getta dalla finestra del Mazzoni
e muore dopo un volo di 20 metri

Ascoli, si getta dalla finestra del Mazzoni e muore dopo un volo di 20 metri
2 Minuti di Lettura
Domenica 18 Ottobre 2015, 17:22 - Ultimo aggiornamento: 4 Novembre, 16:14

ASCOLI - Improvvisamente, eludendo anche il tentativo disperato di una infermiera che ha cercato di afferrarlo all'ultimo istante, si è gettato nel vuoto dal quarto piano dell’ospedale Mazzoni, dove da qualche tempo si trovava ricoverato nel reparto di urologia.

E' questa la drammatica fine di Carlo Palatroni. Personaggio conosciuto in città per il suo estro musicale, componente di una band che aveva costituito a cavallo dagli anni ’80-’90 che si esibiva soprattutto durante le feste popolari. Aveva anche tentato di essere selezionato per alcuni festival musicali di un certo rilievo.

Originario dalla Sardegna, dove suo padre aveva lavorato nelle miniere di Carbonia, ancora adolescente, dopo che il padre aveva perso il lavoro, si era trasferito con la famiglia ad Ascoli, essendo la madre ascolana.

Ben presto cominciò a coltivare quella che è sempre stata la sua grande passione, la musica, nella speranza di potersi affermare in un ambiente che non concede molte chances a chi si affaccia in questo mondo dorato. Dopo vari tentativi andati a vuoto Carlo Palatroni si è lasciato andare finendo per cadere in uno stato depressivo da cui ha tentato, ma invano, di venirne fuori.

Da qualche anno non era più lui. Qualche giorno fa era stato costretto a ricoverarsi presso il reparto di urologia del Mazzoni. Ieri, però, dopo aver consumato il pranzo, si è allungato sul letto per un riposino. Poi si è alzato, ha raggiunto la sala d’aspetto ed all’improvviso ha aperto la finestra lasciandosi cadere nel vuoto da un’altezza di quasi venti metri. L’impatto con il selciato è risultato devastante e non gli ha dato scampo uccidendolo sul colpo.

Alla scena hanno assistito alcuni parenti in visita ai degenti dell'ospedale che si trovavano nella zona antistante la porta d’ingresso del nosocomio.

Sono immediatamente arrivati i soccorritori che hanno portato Carlo Patroni al pronto soccorso dove però i sanitari hanno solo potuto constatarne il decesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA