La Regione Abruzzo stanzia 3 milioni per Monte Piselli dove si fa turismo tutto l'anno. La cabinovia è ora più vicina

Il comprensorio sciistico di Monte Piselli
Il comprensorio sciistico di Monte Piselli
di Luigi Miozzi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Novembre 2022, 05:10

ASCOLI - Poco meno di 8 milioni di euro le risorse messe a disposizione finora dalla Regione Marche e da quella Abruzzo per il nuovo impianto di risalita a Monte Piselli. Ai 5 già deliberati dalla giunta guidata da Francesco Acquaroli è seguita recentemente la delibera della giunta Marco Marsilio che impegna oltre 3 milioni per finanziare il progetto della nuova funivia.

Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’accordo siglato dalle due Regioni e dai rispettivi delegati a cominciare dal senatore Guido Castelli, dal governatore dell’Abruzzo e dal sottosegretario della giunta regionale Umberto De Annuntiis che hanno così potuto implementare il contributo allineandolo a quanto riportato dalla scheda sisma. L’opera, infatti, sarà finanziata con i fondi Cis, ovvero il Contratto istituzionale di sviluppo, predisposti a seguito del sisma ed in parte con le risorse messe a disposizione dai fondi complementari a Pnrr. 

Si tratta di un ulteriore passo avanti nel progetto di sviluppo e di crescita che il Cotuge intende perseguire con l’intento di trasformare Monte Piselli, nata come stazione sciistica, a stazione turistica, sfruttando al massimo le sue peculiarità, per soddisfare le aspettative di tanti appassionati di sci ma anche di trekking, mountain bike ed escursionismo. Così facendo, il comprensorio dei Monti Gemelli potrà offrire valide alternative non solo nel periodo invernale ma anche durante gli altri mesi dell’anno. Una opportunità che, stando a quanto si apprende, avrebbe giocato un ruolo decisivo nel convincere la Regione Abruzzo ad investire su Monte Piselli, apprezzando anche il lavoro svolto negli ultimi anni dal presidente dell’assemblea del Cotuge, il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, e dal presidente del consorzio, Enzo Lori, che a partire dal 2017 hanno fatto sì che l’attuale seggiovia e le strutture ad essa annesse fossero utilizzabili anche nel periodo estivo, innescando un processo che ha consentito di arrivare ad avere punte di cinquemila visitatori a weekend. Dimostrando, in questo modo, le grandi potenzialità di crescita della stazione turistica. 

Ed è per questo motivo che nei prossimi mesi, le Regioni Marche e Abruzzo potrebbero mettere sul tavolo ulteriori finanziamenti. Non è da escludere che ciascuno dei due enti possano destinare ulteriori 2 milioni che consentirebbero di avere a disposizione circa 12 milioni di euro, ovvero una somma significativa che permetterebbe anche di realizzare la cabinovia con partenza direttamente da Colle San Giacomo e le stazioni all’Intermedia e in vetta a Monte Piselli.

La vita tecnica della seggiovia è garantita fino al marzo del 2024 e, pertanto, l’intenzione sarebbe quella di riuscire ad iniziare i lavori per il nuovo impianto di risalita per la primavera di quello stesso anno. Nel frattempo, ci sono delle novità importanti anche per quanto riguarda il campo scuola per il quale il Parco nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, grazie soprattutto all’impegno del presidente Tommasso Navarra e del direttore Alfonso Calzolaio, ha dato l’assenso per la reinstallazione del “campetto”. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA