Monte Piselli, impianti collaudati. Ma ci sono anche criticità e un'assenza importante, la neve

Sabato 4 Dicembre 2021 di Luigi Miozzi
Monte Piselli, impianti collaudati. Ma ci sono anche criticità e un'assenza importante, la neve

ASCOLI  - Tutto è pronto per inaugurare la stagione sciistica a Monte Piselli. Nei giorni scorsi i tecnici dell’Ustif hanno concluso le operazioni di collaudo della seggiovia e dato il via libera al funzionamento dell’impianto di risalita. Per la prima volta, dopo tanti anni, all’inizio del mese di dicembre il gestore della stazione sciistica, la Remigio Group, è in grado di poter programmare al meglio la stagione. 
 
Un risultato frutto della scelta del Cotuge di prevedere un bando pluriennale per la gestione che consente di bruciare le tappe e non dover ogni anno indire le gare con tutti gli intralci burocratici conseguenti che, in passato, non avevano consentito di poter aprire le piste prima della fine di dicembre se non a gennaio. Ora, invece, è tutto pronto. Ma restano alcune incognite. La prima, quella più rilevante, è la presenza di neve. Le perturbazioni registrate nelle ultime settimane hanno portato un primo assaggio di inverno con le temperature che si sono drasticamente abbassate ma ha provocato scarse precipitazioni nevose con un accumulo modesto. Qualora si dovessero registrare delle copiose nevicate, si procederà immediatamente alla preparazione e alla battitura delle piste. 

Un altro punto interrogativo, è rappresentato dall’andamento della pandemia e quindi dei contagi che potrebbero comportare avere delle ripercussioni sull’utilizzo degli impianti di risalita e il funzionamento della stazione sciistica. Soprattutto, se il governo dovesse imporre delle nuove disposizioni per il contenimento della diffusione del virus. La seggiovia di Monte Piselli, essendo di vecchia concezione, completamente aperta, senza le più moderne coperture frangivento, ed essendo costituita da seggiolini a due posti, non subisce particolari restrizioni, stando a quanto previsto dalle leggi attualmente in vigore. Ma a Monte Piselli, c’è un altro problema, annoso, che rischia di mettere in discussione la stagione invernale ormai alle porte: le condizioni della strada che collega la frazione di San Giacomo di Valle Castellana con l’Intermedia dove è posta la partenza della seggiovia. 

Da tanti anni, si auspica da più parte, a cominciare dal Cotuge, un intervento di manutenzione importante in maniera da rendere percorribile la l’unica strada che conduce all’impianto di risalita. Dopo un primo tratto asfaltato, la carreggiata è ricoperta di breccia ma in alcuni punti presenta delle buche profonde che rendono difficoltoso il transito. La situazione, poi, peggiora in caso di maltempo. E se negli anni scorsi la mancanza di programmazione non consentiva di sapere se si fosse riuscito a garantire l’apertura degli impianti, adesso che tutto è pronto, apparirebbe come una beffa avere dei problemi per raggiungere la partenza della seggiovia. Per questo motivo, da più parti, si auspica in tempi brevi un primo intervento di manutenzione, neppure eccessivamente dispendioso, che preveda il rifacimento dell’asfalto in quel tratto di strada di pochi chilometri. Così facendo si metterebbe al riparo la stazione sciistica da ulteriori rischi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA