Ascoli, caduta fatale dalla scala
Indagini sulla morte della donna

Ascoli, caduta fatale dalla scala Indagini sulla morte della donna
2 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Agosto 2015, 19:08 - Ultimo aggiornamento: 15 Agosto, 05:38

ASCOLI - ​Slitteranno di qualche giorni i funerali di Carla Benigni, la giovane mamma di Castignano che ha perso la vita tragicamente nel primo pomeriggio di venerdì. Ieri mattina, su incarico del sostituto procuratore della Repubblica Umberto Monti che coordina le indagini per cercare di ricostruire l’accaduto, il medico legale ha eseguito la ricognizione cadaverica sulla trentaseienne. Il magistrato, però, non ha ancora concesso il nullaosta per la riconsegna della salma ai suoi familiari e, pertanto, non è stato possibile organizzare le esequie. Gli inquirenti vogliono prima acquisire tutte le informazioni necessarie per stabilire con certezza quello che è accaduto in via Stringone.

L’improvvisa scomparsa di Carla Benigni ha suscitato profonda commozione nella comunità di Castigando che in queste ore si è stretta al dolore del marito della giovane mamma e dei suoi familiari che non sanno darsi una spiegazione per la disgrazia che si è consumata venerdì scorso. La trentaseienne aveva deciso di appendere al muro della propria abitazione alcuni ornamenti. Aveva preso una scala e, poi, era salita in cima per procedere con i lavori quando improvvisamente ha perso l’equilibrio ed è caduta a terra. L’impatto con il terreno è stato violentissimo e nessuno, in quel momento, si è accorto di nulla. E’ stato un passante che si è accorto dell’accaduto e ha allertato i soccorsi. Sul posto è arrivata l’ambulanza del 118 e una volta constatate le condizioni della donna i sanitari hanno richiesto l’intervento dell’eliambulanza. Purtroppo, però, non è stato possibile trasportare Carla Benigni all’ospedale regionale di Torrette e poco dopo il suo cuore ha cessato di battere. Su quanto avvenuto stanno indagando anche i carabinieri di Castignano che hanno provveduto a raccogliere tutti gli elementi utili per ricostruire il drammatico incidente domestico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA