Ponte di San Filippo, serve un intervento urgente per metterlo in sicurezza la relazione del geologo è impietosa

Venerdì 14 Maggio 2021 di Luca Marcolini
Il ponte di San Filippo

ASCOLI - Una curva molto pericolosa e a forte rischio incidenti sotto un versante con qualche criticità: questi i motivi che spingono l’Arengo ad affidare subito i lavori di sistemazione e messa in sicurezza del ponte di San Filippo. Via subito all’avvio del cantiere, dunque, su input del sindaco Marco Fioravanti e dell’assessore ai lavori pubblici Marco Cardinelli, per tamponare le problematiche di una infrastruttura fondamentale per il collegamento tra Monticelli, la zona di San Filippo e il centro cittadino.

Vaccini, le Marche accelerano: sabato prenotazioni per 50-59enni e lunedì partono subito le iniezioni. Come mettersi in lista

Cappellino e mascherina: i ladri all'assalto degli chalet, due colpi nella notte

 

Si partirà in tempi strettissimi, entro qualche settimana, con l’aggiudicazione dell’intervento per un costo previsto di circa 580mila euro che riguarderà anche il completamento della pista ciclopedonale che dal ponte si dirige verso il quartiere di Monticelli. 


La curva a rischio 
Con la realizzazione dell’intervento, l’amministrazione comunale intende innanzitutto andare a migliorare la viabilità e il grado di sicurezza proprio in quel tratto in cui lo storico ponte – reduce da un complesso e lungo intervento di sistemazione nel corso della precedente legislatura – si raccorda con la strada che conduce verso Monticelli. Proprio laddove, in passato, si era registrato qualche incidente anche col rischio di veder ripiombare un’auto nel fiume sottostante, come già avvenuto in passato. La priorità, dunque, è andare a riprofilare il tracciato stradale mettendolo in sicurezza e creando anche lo spazio per un ulteriore tratto della pista ciclopedonale attuale. 


La viabilità
L’intervento prevede, infatti, innanzitutto il rifacimento della curva a rischio per poi passare, in una seconda fase, anche alla sistemazione della pista-ciclo-pedonale. Chiaramente, l’intervento richiederà anche una temporanea o parziale interruzione del transito veicolare, ma si cercheranno tutte le soluzioni più opportune per ridurre al limite i disagi per gli automobilisti. 


L’urgenza 
Diversi i motivi alla base dell’urgenza dell’intervento, evidenziati dal geologo incaricato di effettuare la ricognizione e la relazione. Innanzitutto, i recenti rilievi e sopralluoghi ad aprile, hanno evidenziato il peggioramento dell’equilibrio e della stabilità dei terreni affioranti specie nella porzione superiore del versante sovrastante. Gli interventi di messa in sicurezza, dunque, risultano essenziali per un’adeguata sistemazione del tratto. Tra l’altro, si ritiene ideale il periodo, sia dal punto di vista meteo e climatico, per procedere con lavori che prevedono la movimentazione di terra delle scarpate, sia per quel che riguarda una minore incidenza del traffico tra giugno e agosto anche per la chiusura delle sedi scolastiche, riducendo i disagi. Tra l’altro, secondo la relazione geologica, non intervenendo in tempi brevi si andrebbe verso un incremento della pericolosità dal punto di vista geologico sul versante e la scarpata ridosso del ponte. Ci sono tutte le motivazioni, dunque, per aprire il cantiere tra maggio e giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA