Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ascoli, tremendo frontale sulla circonvallazione: arrestato uno dei conducenti, era ubriaco

Ascoli, tremendo frontale sulla circonvallazione: arrestato uno dei conducenti, era ubriaco
Ascoli, tremendo frontale sulla circonvallazione: arrestato uno dei conducenti, era ubriaco
2 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Agosto 2020, 13:47

ASCOLI - Tremendo frontale sulla circonvallazione, tre feriti, du cui uno in maniera grave, ma anche un arresto. Uno dei conducenti coinvolti è infatti piantonato all'ospedale di Ascoli perchè il suo tasso alcolemico al momento dello schianto era ben sopra la norma.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, sono "solo" 3 i nuovi positivi nelle Marche. Tutti dell'Anconetano/ I numeri del contagio in Italia

Pesaro, più di mille ragazzi assiepati nella piazzetta del lungomare: scatta lo sgombero


Lo schianto si è verificato tra una Fiat Punto, con alla guida un quarantunenne, lpoi risuoltato positivo all'alcoltest,  che proveniva dal ponte di Porta Romana e stava proseguendo verso San Benedetto, e una Alfa 166 che procedeva in senso contrario al cui interno viaggiavano un 70enne e la mgolie. Lo schianto è stato violentissimo tanto che per estrarre gli occupanti dei due veicoli dagli abitacoli delle vetture ridotte ad un ammasso di lamiere, si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco di Ascoli che hanno poi consegnato i feriti alle cure del personale del 118 giunto sul posto a bordo di tre ambulanze. Ad avere la peggio è stato il settantenne che nello scontro si sospetta possa aver riportato un trauma toracico e fratture su tutto il corpo tanto da rendere necessario la richiesta d’intervento dell’eliambulanza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA