Ascoli, immondizia, case fatiscenti e invasione di topi: i residenti del quartiere si ribellano

Giovedì 21 Novembre 2019
Ascoli, immondizia, case fatiscenti e invasione di topi: i residenti si ribellano

ASCOLI - Porta Maggiore: una situazione non facile quella creatasi nella zona della stazione, tra edifici fatiscenti, acquitrini, immondizia per strada e topi a spasso tra le case. Ancora una immagine di degrado in città, questa volta non focalizzata nel centro storico, ma nel quartiere più moderno e ambito di Ascoli. Accade in una zona del capoluogo piceno in cui sorgono edifici nuovissimi - e costi abitativi tutt’altro che economici - come quello nato recentemente alle spalle dell’ex villa Giacomini. Ciò che emerge agli occhi del visitatore sono rifiuti abbandonati, pozzanghere insalubri, campi con rovi e sterpaglie. 

LEGGI ANCHE:
Vigili urbani in borghese a caccia di furbetti dei rifiuti: 15 multe in pochi giorni

Ascoli, schiamazzi, bottiglie rotte e bidoni presi a calci: la via del centro ostaggio dei vandali

 
Alcuni residenti di via Venezia hanno segnalato più volte in passato un simile scenario, caratterizzato dall’incuria, incrementato dal comportamento di cittadini incivili che continuano a non rispettare le regole base di necessario ordine e ordinaria pulizia, finendo col rendere il contesto urbano in cui vivono assolutamente non salutare. In tutto questo, in cui mancano controlli, a farla da padroni sono i roditori, attirati da onnipresente spazzatura scesa da taluni a proprio piacimento. Nelle ultime settimane, i segnali della presenza di roditori in città sono moltiplicati. Parecchi residenti vedono continuamente correre i ratti tra un automobile parcheggiata e l’altra, nella zona che dalla stazione si estende sino in viale Indipendenza. Secondo coloro che abitano lungo la via, il proliferare di topi a tutte le ore, sia di giorno che di notte, è da attribuire non soltanto alla ancora non avvenuta derattizzazione da parte dell’amministrazione comunale ma anche e soprattutto dalle condizioni igieniche precarie con cui viene lasciata l’area abitativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA