Vandali e imbrattatori nel mirino. Controlli e multe così ascoli può diventare città green

Mercoledì 24 Novembre 2021 di Luca Marcolini
Un muro imbrattato

ASCOLI - È in arrivo una maxi-ordinanza dell’amministrazione comunale per contrastare e reprimere tutti quei comportamenti che intaccano il decoro urbano e oltre che la vivibilità e l’immagine della città. Un provvedimento che il sindaco Marco Fioravanti sta predisponendo per andare a reprimere tutte quelle azioni compiute dai cittadini che vanno a vanificare quanto si sta cercando di fare sul fronte del progetto “Ascoli green” e sulle politiche legate all’igiene e al decoro urbano.

 

 

L’obiettivo è colpire in maniera pesante, affiancando all’ordinanza anche degli adeguati controlli, tutti coloro che trasgrediscono, ad esempio imbrattando mura, distruggendo con atti vandalici giochi dei parchi, creando anche piccole discariche abusive, lasciando rifiuti lungo le vie della città senza tener conto delle regole della raccolta differenziata e anche lasciando ovunque, sul suolo pubblico, gli escrementi dei propri cani. Il provvedimento del sindaco è onnicomprensivo perché sarà mirato a disciplinare tutte le tipologie di attività legate al decoro della città, quindi prendendo in considerazione tutti i comportamenti che vengono quotidianamente segnalati, con la previsione di pesanti multe.

«Sono molte - spiega il sindaco - le segnalazioni che arrivano quotidianamente, soprattutto per quel che riguarda i rifiuti abbandonati. La società Ecoinnova, che si occupa di questo problema, così come di effettuare la raccolta differenziata, interviene prontamente, al massimo entro 48 ore dalla segnalazione, ma non è facile visto che questi e altri atti di inciviltà sono frequenti. Grazie alla foto trappola della polizia municipale sono state comminate diverse multe, ma dovremo mettere in campo ulteriori azioni repressive. Stiamo preparando un’ordinanza che riguarderà tutte le tipologie di comportamenti contro il decoro della nostra città: dai rifiuti abbandonati ai giochi danneggiati o imbrattati, alle scritte sui muri e ai titolari che lasciano a terra gli escrementi dei cani. Amo gli animali, ma occorre rispetto anche per l’immagine della città. Quindi andremo a colpire gli autori di questi comportamenti in maniera ancora più incisiva. Sono atteggiamenti che contrastano con quanto si sta cercando di fare con “Ascoli Green”, ad esempio riuscendo a coinvolgere tante aziende e semplici cittadini nell’adottare un’area verde o un monumento cittadino per occuparsi della manutenzione e del decoro. Ed abbiamo ricevuto una grande risposta. Ma bisogna colpire chi rema contro la nostra volontà di migliorare il decoro cittadino». 

Nei prossimi giorni, dunque, la nuova ordinanza a tutto campo sul fronte dell’ambiente e del decoro sarà messa a punto ed emanata, dopodiché – secondo le intenzioni dell’Arengo – partiranno controlli più incisivi e attenti e scatteranno anche multe più pesanti nei confronti dei trasgressori.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA