Ascoli, per il furto al supermarket
dovrà scontare 4 mesi di carcere

Furto al supermarket
Condannata a quattro mesi
ma la complice è fuggita
ASCOLI - Il giudice Pietro Merletti ha inflitto ad una giovane romena, assistita dall’avvocato Emiliano Carnevali, la condanna a quattro mesi di reclusione per il reato di furto aggravato commesso in un supermercato cittadino. Nella sua arringa difensiva l’avvocato Carnevali ha cercato di convincere il giudice che la donna ha rubato per uno stato di necessità in cui versa da qualche mese avendo perso il lavoro . Tesi che ha avuto l’effetto dell’applicazione delle attenuanti generiche e di conseguenza l’applicazione del minimo della pena. Il fatto si è verificato all’interno del supermercato che si trova nel quartiere di Pennile di Sotto. Due donne di nazionalità romena, da oltre un anno residenti ad Ascoli, sono entrate nell’esercizio commerciale iniziando a girare nei vari reparti dove si trovava esposta la merce. Hanno concentrato le loro mire sul reparto generi alimentari. Dai vari scaffali hanno prelevato diverse confezioni nascondendole sotto gli abiti che indossavano. Non hanno sospettato che le telecamere di sicurezza le stavano inquadrando seguendo così ogni loro movimento. Gli agenti si sono insospettiti e le hanno raggiunte alla cassa per controllare se mostravano alle cassiere i prodotti che avevano prelevato dagli scaffali. Con la massima indifferenza le due giovani straniere sono sfilate davanti alla cassa senza denunciare ciò che avevano prelevato. Sono così intervenuti gli agenti della sicurezza procedendo al loro fermo in attesa che arrivasse una pattuglia dei carabinieri, allertati telefonicamente. Una delle donne ha cominciato a protestare vivacemente per cui si è venuto a creare qualche attimo di confusione. Ne ha approfittato l’altra fermata per darsi alla fuga, vanamente inseguita dagli agenti della sicurezza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 13 Giugno 2019, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 13-06-2019 07:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO