In fuga dopo un furto forzano il posto di blocco e feriscono i carabinieri, un ladro arrestato, l'altro ricercato

Mercoledì 15 Settembre 2021
Posto di blocco dei carabinieri

ASCOLI - A Rosara, frazione di Ascoli, i carabinieri di Ascoli dopo la serie di furti in abitazione compiuti la settimana scorsa (cinque i denunciati), hanno messo in campo una serie di servizi preventivi anche in abiti civili, alla ricerca degli autori di questi raid che stavano mettendo in apprensione i cittadini della zona e non solo. I carabinieri, appostati in diverse località del territorio ascolano hanno individuato un motociclo con targa straniera contraffatta, con a bordo due persone che, sfuggite ad un primo posto di blocco, sono incappate in un secondo dove, urtando a forte velocità l’autovettura di servizio dei militari all’inseguimento. I due sono caduti a terra e mentre uno di loro è stato bloccato nonostante i ripetuti tentativi di sottrarsi all’arresto, l’altro è riuscito a scappare attraverso un dirupo con fitta boscaglia che porta al torrente Castellano.

LEGGI ANCHE

Baci e abbracci, poi via con catenine e orologi. Uno dei colpi nelle Marche porta però la ladra in carcere

LEGGI ANCHE

Incendiava cassonetti e minacciava i ristoratori, la polizia incastra uno straniero di 20 anni

 

Le ricerche, andate avanti tutta la notte, sono ancora in corso da parte dei militari del Comando Provinciale. Il soggetto bloccato è risultato un ventenne, residente in provincia di Cuneo, che portava con sé uno zaino con all’interno un orologio e altri oggetti asportati nella mattinata in un’abitazione di un 37enne ascolano residente in frazione Giustimana, una bomboletta di spray urticante, una radio portatile, diversi arnesi atti allo scasso e al travisamento. I due carabinieri che hanno bloccato il giovane hanno riportato lesioni in varie parti del corpo, mentre il 20enne, una volta identificato, è stato tratto in arresto per furto e tentato furto in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento aggravato e porto di strumenti atti all’offesa e tradotto al carcere di Marino del Tronto a disposizione delle Magistratura ascolana. Le immediate indagini hanno consentito di accertare che i due soggetti hanno compiuto anche due tentati furti ieri mattina sempre nella frazione Giustimana mentre altri accertamenti sono in corso in merito ai furti compiuti la scorsa settimana nella frazione Rosara nonché nella vicina provincia di Teramo ed in altre limitrofe.