Il parcheggio farà spazio ad un nuovo ristorante, il food avanza nel centro storico

Domenica 6 Febbraio 2022 di Luca Marcolini
Largo Relucent

ASCOLI - L’Arengo cederà in affitto parte dei locali che si affacciano sul nuovo largo Madre Tecla Relucenti, dietro l’istituto musicale Spontini, per lo sviluppo di una nuova attività commerciale (del settore food) che aprirà nella vicina via Niccolò IV, ma al tempo stesso conserverà e valorizzerà i rimanenti spazi utili per la realizzazione di eventi e spettacoli aperti al pubblico una volta che la piazzetta – ancora utilizzata come parcheggio del Comune – diventerà a tutti gli effetti uno spazio di aggregazione e socializzazione per i cittadini. Commercio ed eventi, dunque, coesisteranno in questo particolare scorcio del centro storico. 

 


Lo scorso 26 gennaio, la società che ha già preso in affitto anche gli spazi dell’ex mercato ittico comunale e che aprirà una attività di ristorazione in via Niccolò IV, in pieno centro, ha ora richiesto all’Arengo anche l’utilizzo dei locali (complessivamente 160 metri quadrati), nelle vicinanze, che si affacciano sul nuovo largo Relucenti, proprio per ampliare i propri spazi. Il nuovo largo, al momento, è ancora utilizzato come parcheggio per le vetture comunali, chiuso con tanto di cancello. A fronte della richiesta dei locali da parte della società commerciale, l’Arengo, valutando la richiesta, e considerando che l’obiettivo è quello di andare a restituire quella piazzetta alla cittadinanza, come spazio di socializzazione anche attraverso iniziative ed eventi, ha ritenuto di doversi riservare l’utilizzo di parte dei locali in questione, circa 60 metri quadrati. Questo perché si ritiene indispensabile e strategico riservarsi l’utilizzo degli spazi in questione, che si affacciano direttamente, sul largo, in quanto potenzialmente strumentali e utili per l’organizzazione degli eventi e delle attività culturali. 


Contestualmente alla decisione di riservarsi parte dei locali disponibili su largo Relucenti, l’Arengo ha comunque ritenuto conveniente valorizzare la parte restante degli spazi disponibili, ovvero circa 100 metri quadrati adibiti a fondaci e magazzini concedendoli alla società richiedente con destinazione d’uso per lo svolgimento di attività commerciale. Si tratta di locali chiusi e in stato di abbandono da oltre 20 anni che confinano a sud con i bagni pubblici di via del Foro (oggi via Galiè), a nord con la proprietà comunale (ex pescheria) affittata alla stessa società richiedente, ad ovest con una proprietà privata e ad est con i locali comunali che si affacciano sulla piazzetta da riqualificare e valorizzare. L’amministrazione comunale ha, quindi, deciso di accogliere solo parzialmente la richiesta, considerando conveniente valorizzare solo quei locali interclusi non di interesse comunale che possono essere affittati dalla società che ne ha fatto richiesta e che può accedere agli stessi avendo già il possesso di immobili adiacenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA