Traffico di rifiuti, la Finanza scova tre società con "teste di legno" e recupera 7,5 milioni per la tassazione

Traffico di rifiuti, la Finanza scova tre società con "teste di legno" e recupera 7 milioni per la tassazione
Traffico di rifiuti, la Finanza scova tre società con "teste di legno" e recupera 7 milioni per la tassazione
3 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 09:26 - Ultimo aggiornamento: 10:15

ASCOLI - Traffico di rifiuti, la Finanza scova tre società con "teste di legno" e recupera 7 milioni per la tassazione, denunciando altre 5 persone. Si tratta della prosecuione dell'operazione "Easy Money" dello scorso mese di giugno, con cui è stata smantellata un'associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti tramite l'arresto di 13 persone e il sequestro di circa 12 milioni di euro, operativa tra le province di Ascoli Piceno e Chieti.

Caro gasolio, pescatori e grossisti delle Marche alla protesta a Roma. Ecco cosa chiedono per tornare in mare. Il caso alla Ue

 

Contestualmente, i finanzieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, per effetto delle prerogative della polizia economico-finanziaria hanno passato da subito al setaccio le operazioni condotte dall'associazione a delinquere che, tramite una simulata 'coperturà documentale e contabile e con la complicità di soggetti 'teste di legno, hanno riciclato gli illeciti profitti per farli rientrare, in buona parte, ripuliti nella loro disponibilità.  Grazie all'efficace utilizzo delle banche dati disponibili sulla piattaforma "Dorsale Informatica" del Corpo, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ascoli Piceno hanno seguito questo flusso finanziario e documentale e concluso nei giorni scorsi, mirate verifiche fiscali nei confronti di due società a responsabilità limitata e di una ditta individuale aventi sede nella provincia teatina, recuperando a tassazione circa 7,5 milioni di euro non dichiarati al fisco e Iva dovuta per 200.000 euro. È scattata, pertanto, una nuova denuncia nei confronti di 5 dei soggetti già precedentemente segnalati alla Procura della Repubblica di Chieti, anche per l'ipotesi di reato di cui all'art. 5 D.Lgs. 74/2000, per omessa dichiarazione dei redditi, nella loro qualità di amministratori di diritto e di fatto delle aziende verificate.  L'esame dell'ingente mole di documentazione relativa alle fatture false poste a base del riciclaggio dei profitti del traffico di rifiuti metallici, continuerà anche per i prossimi mesi attraverso il monitoraggio dei flussi finanziari, che costituisce il metodo più efficace per individuare i capitali di origine illecita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA