Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Solidarietà e polemiche al Memorial Troiani, ma la ricerca vince e va avanti spedita

Il Memorial Troiani in piazza del Popolo
Il Memorial Troiani in piazza del Popolo
di Filippo Ferretti
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 08:35

ASCOLI - La ricerca e l’impegno per combattere le malattie leucemiche. È la motivazione che muove ogni anno l’operato della sezione ascolana dell’Ail che, per migliorare la cura, l’accoglienza ospedaliera e il rapporto con coloro che si ammalano ogni giorno, si prodiga per ottenere fondi come ha fatto domenica sera con la 22° edizione del Memorial Alessandro Troiani”. 

 

Durante l’allestimento di questa grande festa della speranza e della voglia di vivere, prima dell’arrivo sul palco degli artisti, il primario di Ematologia al Mazzoni di Ascoli, Piero Galieni, ha illustrato i grandi miglioramenti nella lotta alla malattia. Un impegno che grazie alle donazioni sta permettendo la ristrutturazione del reparto e la sempre maggiore disponibilità di luoghi di accoglienza per le famiglie dei pazienti ricoverati, oltre al reperimento di nuove e sofisticate apparecchiature. In particolare, l’acquisto di strumentazioni quali “Ion chef” per il laboratorio di biologia molecolare, reagenti per il laboratorio di citogenetica, classificatori, pc, monitor e piccole attrezzature. 

Il presidente dell’Ail Giuliano Agostini ha ringraziato chi permette, attraverso la solidarietà, di ottenere esiti scientifici sempre più confortanti. Come ha dimostrato, ad inizio serata, il monologo dell’attrice Alice Pagani, che ha fatto sua la toccante testimonianza di una giovane malata d leucemia, guarita grazie alla ricerca. E parlando di generosità va menzionata quella di tutti gli ospiti che, oltre a non essersi risparmiati sul palco e a dimostrare di sentirsi vicini allo scopo nobile della serata, hanno rinunciato al rimborso spese. «Dico grazie all’Ail per avermi concesso di essere qui in questa serata meravigliosa, che parla a noi tutti, di musica, di vicinanza, di amore» ha detto una coinvolta Alessandra Amoroso.

Lo svolgimento della serata era stato preceduto da alcuni piccoli incidenti sui social, visto che inizialmente per il Memorial si era pensato di permettere ad alcuni followers di formulare direttamente domande sul palco alle due primedonne (l’altra era Emma Marrone). Una scelta che ha fatto insorgere gli esclusi e che quindi ha portato ad annullare l’iniziativa. Un clima di polemica ha accompagnato nel tardo pomeriggio anche i ristoratori presenti in piazza del Popolo, che all’ultimo momento hanno pensato invece di rimanere aperti, visto che alcuni avevano deciso di rimanere operativi nonostante l’invito a rispettare le norme dell’Arengo. Infine, una curiosità: nonostante tutti i biglietti siano stati venduti, alcune decine di posti a sedere erano vuoti, a dimostrazione che qualcuno ha voluto devolvere e basta.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA