Il vescovo D'Ercole: «Mi dimetto e vado in convento». Annuncio choc e "giallo"

Giovedì 29 Ottobre 2020
Il vescovo D'Ercole: «Mi dimetto e vado in convento». Annuncio choc e "giallo"

ASCOLI - Annuncio choc, quello delle dimissioni del vescovo di Ascoli Giovanni D'Ercole, e un piccolo giallo su una notizia uscita "troppo presto", con la Diocesi che inizialmente non conferma e non smentisce, seccata dalla circolazione precoce di un video, forse destinato alla pagine social, prima dell'annuncio ufficiale.

LEGGI ANCHE:

Rieti, al vescovo di Rieti Pompili la "reggenza" della diocesi di Ascoli Piceno

 

Video

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, record di nuovi positivi nelle Marche: sono 686 in un giorno. E la percentuale si impenna/ I numeri del contagio regione per regione

Ricorso delle Marche al Tar contro il Dpcm, l'assessore alla piazza che protesta: «Ci stiamo pensando»

Giovanni D'Ercole si dimette e va in un monastero, «una scelta difficile, sofferta ma profondamente libera,
ispirata al servizio della Chiesa - spiega nel video - e non al mio interesse personale. In un momento difficile come questo in cui regna confusione nella nostra società, in cui c'è tanta paura, io credo, sento profondamente il bisogno di dedicarmi alla preghiera. Entro in un monastero dove potrò accompagnare il cammino della Chiesa in un modo più intenso, nella meditazione, nella contemplazione e nel silenzio. Quando avrò percorso questo periodo in monastero, poi mi aprirò a tutte le prospettive che il signore vorrà darmi. Sento che in questo momento dio mi chiama a fare un passo perché possa rendere servizio in questo modo. Ringrazio tutti coloro che mi hanno voluto bene e che continuano a volermi bene. Io vi rinnovo tutta la mia stima, tutto il mio affetto e,
soprattutto, siate certi non abbandono nessuno ma sarò ancora più vicino alla Diocesi, a ciascuno di voi con la
mia preghiera, perché in questo momento sento profondamente che solo dio può essere la speranza affidabile su cui poggiare ogni nostro passo verso un futuro che qualche volta appare molto incerto ma che alla luce di Dio sarà sicuramente segnato dalla sua vittoria, la vittoria di Cristo. Vi prego quindi di considerare queste mie dimissioni come un atto di fede e un segno di amore più grande verso tutti».

Ultimo aggiornamento: 12:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA