Croce Rossa in prima linea: un sostegno a 340 famiglie: da primavera consegnati oltre 1.200 ticket per fare la spesa nei supermercati

Venerdì 16 Ottobre 2020 di Filippo Ferretti
Croce Rossa in prima linea: un sostegno a 340 famiglie: da primavera ad oggi sono stati consegnati oltre 1.200 ticket per fare la spesa nei supermercati

ASCOLI  - La città scivola nell’indigenza. Le complesse conseguenze del sisma di quattro anni fa, che hanno portato all’abbandono forzato di centinaia di abitazioni nel territorio per inagibilità e la perdita di denaro registrata la scorsa primavera a causa della chiusura delle attività per il lockdown, ha portato la sezione ascolana della Croce Rossa ad occuparsi di tutti coloro che hanno manifestato difficoltà nel poter andare avanti.

 

Rispondendo ai vari appelli e su indicazione delle amministrazioni del territorio dell’Ascolano, l’associazione si è interessata in particolare di chi ha accusato gravi perdite economiche e, soprattutto, di coloro che hanno perso il lavoro nell’arco di questo tragico 2020. Per un tale motivo sono stati consegnati buoni pasto, spendibili in supermercati per l’acquisto di generi prodotti vari, a 340 famiglie dell’Ascolano che versano nelle maggiori difficoltà economiche. Dalla scorsa primavera ad oggi, con risorse della Cri e grazie alla disponibilità di sponsor e di privati, sono stati elargiti in tutto circa 1.200 tagliandi che hanno garantito migliaia di euro in prodotti alimentari. Un risultato che ha reso felice la Croce Rossa di Ascoli, il cui obiettivo è sempre quello di aiutare le persone che hanno necessità autentiche, andando loro incontro nel modo più discreto e delicato possibile. 


«Questo modo di operare della Croce Rossa, fa sì che i membri possano muoversi con una consapevolezza concreta di tutti i principi che la strutturano: umanità, universalità, imparzialità, neutralità, indipendenza, volontarietà e unità» ha detto la presidente Cristiana Biancucci durante la consegna dei buoni pasto, augurandosi che presto possano aderire al volontariato anche tanti giovani, per essere in prima linea in questa grande macchina organizzativa che opera per il bene comune, affinché in questo modo si possa sperare in una società migliore. 


La Croce Rossa di Ascoli aderisce ad un’iniziativa chiamata “Il tempo della gentilezza”, nata proprio durante il periodo del Covid, che ha visto tantissime persone mettersi a disposizione delle famiglie e di chi si trova in difficoltà, dai poveri agli anziani. «All’interno di questa campagna abbiamo consegnato anche buoni acquisto e beni di prima necessità, operando su istanza dei sindaci e della comunità di riferimento» ha aggiunto la presidente, sottolineando la necessità di fare sempre più rete, di supportare la nostra comunità poiché la pandemia ha creato delle profonde fessure e lacerazioni, sia sociali che economiche. «Il mio ringraziamento va al lavoro che svolgono i volontari, che hanno dimostrato una solidarietà immensa e una responsabilità individuale orientata al bene comune» ha concluso la Biancucci, ricordando come tantissimi siano state sinora le persone coinvolte in prima linea durante questo periodo di emergenza, garantendo supporto alle persone con maggiori vulnerabilità sociali e sanitarie e rispondendo alle necessità di tutte le fasce più fragili della popolazione. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA