Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In provincia scuola travolta dai contagi. Emergenza totale: i presidi chiedono la dad

In provincia scuola travolta dai contagi. Emergenza totale: i presidi chiedono la dad
In provincia scuola travolta dai contagi. Emergenza totale: i presidi chiedono la dad
di Marco Vannozzi
4 Minuti di Lettura
Sabato 8 Gennaio 2022, 09:10

ASCOLI -  Il mondo della scuola vive il suo momento più complicato. I contagi mordono, le assenze per colpa del virus gravano sul sistema. Ad Ascoli e San Benedetto le aule rimarranno chiuse anche oggi, quasi in tutto il resto della provincia si prosegue in presenza. Da lunedì tutti al proprio posto. 


Nel frattempo da parte di oltre duemila dirigenti scolastici arriva la richiesta al ministro di riprendere le lezioni a distanza per le prossime due settimane. «Stiamo assistendo con preoccupazione crescente ad una escalation di assenze. Abbiamo personale sospeso perché non in regola con la vaccinazione obbligatoria e, ogni giorno di più, personale positivo al covid, che non potrà prestare servizio e nemmeno potrà avere, nell’immediato, un sostituto. Una programmata e provvisoria sospensione delle lezioni in presenza, con l’attivazione di lezioni a distanza, per due settimane è preferibile» si legge nel testo dell’appello dei presidi. Ma a stretto giro dal governo arriva il no alla richiesta. Nell’elenco dei firmatari dell’Ascolano fino a ieri comparivano i nomi di Luigia Romagni dell’Isc Rotella, Maria Vitali dell’Ic Castel di Lama e Gaia Gentili dell’Isc Cupra Marittima e Ripatransone. 


Tante sono le situazioni di difficoltà, con gli istituti alle prese con le assenze di personale ed alunni per positività e quarantene. Le telefonate con le segnalazioni di casi aumentano, le voci a favore di una sospensione della didattica in presenza arrivano da più parti. «Penso che la richiesta sia fondata. La nostra scuola sta attraversando una situazione grave. Dallo scorso 3 gennaio stiamo registrando molte positività tra personale ed alunni», afferma Alessandra Goffi, dirigente scolastico dell’Isc Borgo Solestà-Cantalamessa. Al momento nell’istituto si segnalano le assenze di sei insegnanti. «Abbiamo grosse difficoltà nelle sostituzioni. Abbiamo mandato circa 2 mila convocazioni, ma non abbiamo ricevuto risposta» aggiunge Goffi. La situazione è al momento gestibile, ma a breve le cose potrebbero cambiare: Cinzia Pettinelli, dirigente scolastica della Don Giussani di Monticelli ha più di un timore.

«Se non si verificassero altre criticità potremmo riuscire a garantire le attività. Altrimenti sarebbe difficile. La scuola deve essere in presenza. Il mio è un sentimento contrastante, però in questo momento stiamo facendo molta fatica: un piccolo lockdown potrebbe aiutare», spiega. «Non amo la dad: è una iattura, ma la confusione è tanta – sostiene Valentina Bellini, dirigente Isc Ascoli Centro D’Azeglio -. Credo che una settimana di stop alla didattica in presenza possa aiutare. Rischiamo di andare in tilt. C’è bisogno di un po’ di tempo per mettere a distanza i contagi delle festività e le nuove modalità di tracciamento e quarantena». Di tutt’altro avviso invece Arturo Verna, dirigente scolastico del liceo classico Stabili–Trebbiani: prima di Natale nell’intero plesso si registravano solo sette classi in dad. «Non condivido l’appello - dichiara -. Il personale è vaccinato, come lo è circa la metà degli studenti. Non c’è una valida giustificazione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA