Il centro divora altri posti auto: stop ai parcheggi in corso Trieste per rendere più sicuri i cantieri

Corso Trento e Trieste
Corso Trento e Trieste
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 05:05

ASCOLI - Con il via libera al cantiere per ripavimentare e riqualificare corso Trento e Trieste scatta parallelamente il divieto di sosta totale lungo tutta l’importante arteria stradale e su piazza Simonetti. Ovvero la piazza che rappresenta proprio il cuore del cantiere ospitando tutte le strutture e la logistica dell’impresa chiamata all’esecuzione dei lavori.

Il provvedimento di sospensione di tutti i parcheggi dislocati lungo il corso, scattato da ieri mattina alle 6 e fino a che si renderà necessario, arriva attraverso una specifica ordinanza comunale mirata soprattutto a garantire l’esecuzione dei lavori nella massima sicurezza per tutti. Nessuno, quindi, può sostare lungo corso Trieste fino a contrordine, mentre sul fronte della viabilità al momento resta tutto invariato e in linea con la precedente ordinanza. E solo successivamente, in una fase più avanzata dei lavori, si renderà necessario chiudere il traffico per tutto il tratto dall’intersezione con corso Mazzini e fino al Lungo Tronto. Quindi con obbligo di svolta proprio verso la zona ex Carisap.
 
Per consentire all’impresa l’effettuazione dei lavori garantendo contestualmente la circolazione stradale e la sicurezza, è stato disposto da ieri il divieto di sosta in pratica su tutto corso Trieste e su piazza Simonetti. Nello specifico, dalle 6 di ieri mattina e fino al termine delle esigenze, è stato istituito il divieto di parcheggiare, con rimozione coatta con orario 0-24, in piazza Simonetti, sul lato est, per tutto il tratto compreso dal limite nord della scalinata di accesso alla Prefettura fino al chiosco-edicola. Inoltre, il divieto è esteso ad entrambi i lati di corso Trento e Trieste per tutto il tratto compreso dall’intersezione con corso Mazzini fino a largo Santa Maria intervineas. Una scelta dettata dal fatto che in questa fase lo svolgimento dei lavori, sulla base delle necessità tecniche ed operative ravvisate dai tecnici comunali, prevede l’occupazione di parte di piazza Simonetti e dei lati del corso. Sarà, dunque, vietato a tutti sostare lungo quegli spazi destinati finora proprio agli stalli per la sosta dei residenti e a disco orario, come facilmente prevedibile considerando anche a fronte dell’esigenza di ripavimentare completamente l’arteria stradale e rifare anche i marciapiedi. 

Per quanto riguarda la viabilità, al momento non cambia nulla rispetto alla precedente ordinanza. Resta la possibilità per tutti di transitare lungo il corso fino a via delle Canterine, ma con una postazione dei vigili urbani, o in loro assenza con una transenna segnaletica, all’altezza dell’incrocio con corso Mazzini per invitare gli automobilisti a svoltare a quell’altezza, con l’isola pedonale revocata temporaneamente (eccetto che nella fascia oraria dalle 12.30 alle 15), in zona ex Carisap, per evitare inutilmente di appesantire i flussi veicolari proprio su via delle Canterine, con una carreggiata molto stretta. Inoltre, sempre per un alleggerimento dei flussi veicolari, ogni giorno dalle 18 alle 20.30, viene interdetto il transito da piazza Roma verso corso Trieste a tutti gli automobilisti, eccetto residenti e autorizzati, con obbligo di svoltare a destra su via Pretoriana. In una fase successiva dei lavori di ripavimentazione, invece, come evidenziato anche dall’ultima ordinanza comunale, sarà necessario procedere con l’interdizione della viabilità veicolare in corso Trieste per il tratto compreso dall’intersezione con corso Mazzini e fino a largo Santa Maria intervineas per consentire il completamento di alcune opere. In quel caso, quindi, si potrà scendere su corso Trieste esclusivamente fino all’intersezione con corso Mazzini, per poi svoltare come ora nella zona ex Carisap. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA