Controlli alle reti e ripartizione dei flussi, così si evita il razionamento dell’acqua

Sabato 28 Agosto 2021 di Luigi Miozzi
La Ciip esorta a consumi responsabili di acqua

ASCOLI - La stagione estiva sta volgendo al termine ma le sorgenti dell’acqua rimangono le sorvegliate speciali. Sebbene la quantità d’acqua a disposizione abbia consentito alla Ciip di evitare la razionalizzazione del flusso idrico così come era avvenuto negli anni passati, non si può dire che il pericolo sia scampato del tutto. Anzi, proprio da questo periodo inizia una fase delicata per le portate delle sorgenti.

 

Per questo motivo, al fine di evitare disservizi per gli utenti, dalla sede della società che gestisce il servizio idrico nel Piceno e in parte dei Comuni del Fermano era partito il monito di continuare ad usare responsabilmente l’acqua evitandone gli sprechi e l’utilizzo improprio. 

La situazione viene tenuta costantemente sotto controllo e dai report in possesso dei responsabili del servizio si conferma la stagionalità delle portate delle sorgenti e, pertanto, la conferma che è iniziata una sostanziale riduzione della quantità di acqua a disposizione, così come sempre avviene in questo periodo. Portate ridotte che, però, al tempo stesso, coincidono con la fine della stagione estiva e quindi con un numero sempre minore di turisti lungo la Riviera che riduce anche il fabbisogno giornaliero. 

Oltre questo, va anche tenuto conto di un altro aspetto: il meteo. Le perturbazioni previste per questa settimana e le conseguenti precipitazioni piovose comportano minori consumi, soprattutto perché l’acqua non viene utilizzata per annaffiare orti e giardini. Purtroppo, gli studi sui consumi effettuati dalla Ciip hanno evidenziato un maggior utilizzo della risorsa idrica nelle prime ore del giorno e nel tardo pomeriggio, soprattutto nell’entroterra montano e lungo la Vallata del Tronto. Segnale inequivocabile, nel periodo estivo, dell’uso improprio della risorsa idrica. Ma se il picco dei consumi è già stato raggiunto, non si può certo dire che si è al riparo da eventuali provvedimenti che la Ciip potrebbe essere costretta a prendere. Se il trend attuale dovesse essere confermato e non dovessero registrarsi un incremento delle portate, la stagione autunnale potrebbe rivelarsi difficoltosa, con l’inevitabile ricorso a progressive razionalizzazioni. Per cercare di evitare che ciò accada, il personale tecnico della Ciip sta lavorando quotidianamente sul controllo delle reti e sulla ripartizione dei flussi idrici nei vari serbatoi presenti sul territorio per cercare di ridurre al minimo i disagi ed evitare l’eventuale ricorso agli impianti di soccorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA