Ex giocatore di calcio stroncato da una malattia a 31 anni. Era stato compagno di squadra del sindaco

Simone Eleuteri
Simone Eleuteri
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 02:05 - Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 09:01

ASCOLI - Un’altra notizia luttuosa sconvolge l’universo di Porta Romana. Dopo il capitano del sestiere Giuliano Airini, è morto ieri, a Parma, dove si trovava ricoverato a seguito di una malattia che non gli ha lasciato scampo, il 31 Simone Eleuteri, ex calciatore della squadra rossazzurra. La famiglia Eleuteri è molto conosciuta nel quartiere ed il papà Vincenzo è stato un tecnico del settore giovanile del Porta Romana e lo aveva allenato da ragazzino. Simone, però, qualche anno fa aveva deciso di smettere con il calcio. 

Green pass senza scadenza e niente Dad per i vaccinati. Dimezzato il periodo della quarantena

 

Toccante il messaggio che pè stato postato dalla società di calcio rossazzurra sulla propria pagina facebook: «Una tremenda notizia oggi (ieri, ndr) ha sconvolto l’Associazione sportiva, Simone Eleuteri a soli 31 anni ci ha lasciato a seguito di una tremenda malattia. Simone è stato un nostro calciatore per tanti anni vestendo la maglia degli Allievi, della Juniores fino alla prima squadra in Seconda Categoria nella stagione 2011/’12. Ragazzo bravissimo, sempre educato e generoso in campo e fuori dal campo.

Tutta l’Asd Porta Romana si stringe al dolore della sua famiglia e in particolare al papà Vincenzo per tanti anni nostro allenatore nel settore giovanile. Riposa in Pace Simone». Giuseppe Cimica, anima del sodalizio sportivo del Porta Romana, è ancora sconvolto: «Una notizia tremenda. Sicuramente faremo qualcosa per ricordare Simone anche nel giorno del suo funerale. Dobbiamo ancora incontrarci per decidere cosa. La notizia della sua morte è così fresca che non siamo riusciti ad organizzarci». Nei suoi trascorsi da calciatore era stato anche compagno di squadra del sindaco Marco Fioravanti, tra i primi ad apprendere la tragica notizia della scomparsa di Simone Eleuteri, che lo ricorda così: «Ragazzo umile e generoso. Leone in campo e nella vita. Ha lottato con tutte le sue forze, contro la terribile malattia. Sono straziato dalla notizia. I miei sentimenti di vicinanza alla famiglia». 

La morte di Simone lascia increduli anche i colleghi di lavoro. Era stato dipendente al supermercato Coal di via Angelini e poi si era trasferito all’Eurospin di Castel di lama. Oltre al padre Vincenzo, lo piangono la mamma Sabrina ed il fratello federico, di tre anni più giovane.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA