L'Arengo pronto a risarcire l'Ascoli Calcio per i lavori effettuati allo stadio Del Duca

Domenica 16 Gennaio 2022 di Luca Marcolini
Lavori alla tribuna coperta dello stadio Del Duca

ASCOLI - L’Arengo destina 120mila euro, in bilancio, per rimborsare all’Ascoli Calcio i lavori di manutenzione straordinaria effettuati dal club bianconero per l’adeguamento dello stadio Del Duca. Si tratta di rimborsi previsti dalla convenzione in essere, della durata di 5 anni, stipulata nel marzo 2019 tra le parti.

 

 

L’Ascoli Calcio, per risolvere nell’immediato alcune problematiche legate all’utilizzo e all’idoneità dell’impianto sportivo per lo svolgimento delle gare, aveva concordato di anticipare le spese necessarie per le omologazioni della struttura. Ed ecco, quindi, che ora l’amministrazione comunale predispone lo stanziamento per il rimborso delle spese finora sostenute per gli interventi già effettuati. Considerando che la società bianconera, in base alla convenzione siglata, deve pagare all’ente un canone annuale di 120mila euro, andrà quindi a recuperare la somma attraverso i rimborsi per le opere realizzate. 

Nella convenzione siglata nel 2019 è incluso un elenco di lavori allo stadio da realizzare per omologazioni anche future dell’impianto. Nello specifico, la società ha già concluso vari interventi, tra cui la nuova copertura della tribuna ovest, la realizzazione di opere di sistemazione dei distinti ovest, l’acquisto e l’installazione di 5mila seggiolini per gli spalti, così come stabilito dalle normative, ma anche la ristrutturazione degli spogliatoi per le squadre e il tunnel di ingresso al campo oltre all’installazione di nuove schede di rete sui tornelli non funzionanti. Quindi, per rimborsare la parte dei lavori previsti in convenzione e realizzati, l’Arengo ha deciso di impegnare 120mila euro in bilancio per poi definire la somma esatta da liquidare. Tra gli altri interventi previsti dalla convenzione figurano la sostituzione delle telecamere non funzionanti e l’integrazione e l’adeguamento dell’impianto anche attraverso la sostituzione di quelle di vecchia generazione, i lavori nella sala Gos, l’adeguamento dell’impianto di illuminazione, l’acquisto del gruppo elettrogeno, la sostituzione della caldaia, l’adeguamento servizi igienici, l’acquisto e installazione del nuovo impianto per la fonica. Ulteriori eventuali interventi straordinari, all’infuori di quelli in elenco e quelli relativi al campo gioco, saranno oggetto di un confronto tra le parti per l’attribuzione dell’intervento e dei relativi oneri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA