Ascoli batte Fermo e Macerata: Soprintendenza a Palazzo Panichi

Giovedì 16 Gennaio 2020
Ascoli batte Fermo e Macerata: Soprintendenza a Palazzo Panichi

ASCOLI - Dopo tante sconfitte, aver subito scippi e aver masticato amaro innumerevoli volte, gli ascolani possono per una volta cantare vittoria. La Soprintendenza di Archeologia, belle arti e paesaggio Marche Sud avrà sede ad Ascoli, a Palazzo Panichi che ospita oggi il museo archeologico. L’ufficialità è arrivata nella tarda serata di ieri con una nota ufficiale del ministero dei Beni culturali che chiude quella che fin dalle prime battute aveva assunto le sembianze di una vera e propria partita a scacchi tra la città delle cento torri, Fermo e Macerata che aspiravano anch’esse ad avere il riconoscimento. 

LEGGI ANCHE:
Perde il portafogli con più di 500 euro: la rintracciano grazie allo scontrino del fioraio

Ancona, auto abbandonate e senza assicurazione: i carabinieri ne sequestrano otto

Nella lettera inviata a Franceschini si metteva in evidenza il fatto che «la città di Ascoli è situata in una posizione centrale fra le aree di montagne e costiere, in un territorio il cui tessuto storico, culturale ed artistico si dipana attraverso migliaia di anni dal periodo piceno fino ai giorni nostri. Oggi dopo gli eventi sismici del 2016 e del 2017 che l’hanno collocata nel cratere del terremoto, rappresenta il baricentro dell’area colpita dal sisma». A giocare, inoltre, un ruolo determinante è stata anche l’aver messo a disposizione del Mibact palazzi pubblici che avrebbero potuto ospitare gli uffici a costo zero. Alla fine la scelta della sede è caduta su Palazzo Panichi, che già ospita il museo archeologico statale, a Piazza Arringo nel cuore della città, ritenuta il luogo ideale per ospitare gli uffici dell’ente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA