L'Arengo ingaggia gli accertatori demografici per scovare i residenti fantasma

L'Arengo ingaggia gli accertatori demografici
L'Arengo ingaggia gli accertatori demografici
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Domenica 30 Maggio 2021, 09:23

ASCOLI - L’Arengo intende scattare in maniera più puntuale e corretta – attraverso accertatori anagrafici - la fotografia demografica di una città che, sulla carta, continua da qualche decennio a perdere abitanti. Tanto da essere arrivata, secondo i dati Istat, sotto i 47mila abitanti (a febbraio 2021, secondo l’Istat, ad Ascoli città risultava una popolazione di 46.677 abitanti). E per questo motivo ora l’amministrazione comunale mette in campo un servizio di accertamenti anagrafici. 

LEGGI ANCHE:

Tremendo schianto con la moto a Campotosto: muore sul colpo un marchigiano di 32 anni

 

L’obiettivo è rendere più chiaro e corretto un quadro incerto e indecifrabile, per quel che riguarda le persone residenti sotto le cento torri, anche alla luce delle complicazioni legate al terremoto e ai conseguenti cantieri che hanno spinto molti cittadini trasferirsi altrove e poi magari altri a tornare a vivere in città. In altre parole, si intende mettere in campo gli accertatori anagrafici per verificare chi magari abita ad Ascoli senza aver registrato la propria residenza, oppure chi magari, rimasto senza tetto e arrangiandosi con soluzioni provvisorie e precarie, non risulti registrato all’anagrafe come residente. Ovvero quei cittadini-fantasma che per qualche motivo sfuggono alla mappa demografica della città. La prospettiva è rimettere ordine sul fronte della reale presenza di cittadini nel capoluogo piceno. 

Sulla base di una normativa nazionale, l’Arengo – così come gli altri capoluoghi di provincia – è chiamato ad istituire un Ufficio statistica, all’interno del Servizio demografico, per collaborare in maniera costante con l’Istat per la rilevazione dei dati sul territorio. Parallelamente, si è deciso di istituire un Servizio accertamenti anagrafici preposto all’attività di verifica dello scenario relativo alla popolazione ascolana, destinando alcuni dipendenti a questi compiti. La volontà è quella di fare chiarezza sulla mappa reale dei cittadini che vivono ad Ascoli, ricostruendo un quadro che si è complicato con il post terremoto. Con una adeguata formazione, gli accertatori anagrafici dell’Arengo dovranno avviare e concludere istruttorie, individuando quelle che sono occupazioni legali di un alloggio e quelle che sono abusive, verificando anche la presenza di persone senza fissa dimora e degli irreperibili. In questo modo, si potrà avviare un’azione di regolarizzazione di posizioni o di cancellazioni anagrafiche. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA