Arengo, allarme coronavirus ma il concorso si fa lo stesso. Oggi cominciano le prove, con la mascherina

Lunedì 19 Ottobre 2020 di Luca Marcolini
Arengo, allarme coronavirus ma il concorso si fa lo stesso. Oggi cominciano le prove, con la mascherina

ASCOLI - L’Arengo sfida il Coronavirus e l’incremento dei contagi per poter arrivare a sbloccare, dopo la lunga sospensione nel periodo del lockdown, i concorsi (in totale 10) che dovranno portare a ben 25 assunzioni per adeguare l’organico comunale.

 

Con le prime preselezioni che sono state previste proprio per questa mattina, a partire dalle 8,30, all’auditorium Montevecchi, per poi proseguire ogni giorno fino a giovedì 22. Ma per raggiungere l’obiettivo in sicurezza e senza problemi, in una fase tornata così critica dal punto di vista sanitario, si preannuncia una rigida applicazione di tutti i protocolli anticovid a fronte delle 2.176 domande pervenute (anche se proprio per l’incremento dei contagi in diversi potrebbero non presentarsi). Nella giornata di oggi si svolgeranno le preselezioni per il concorso per due collaboratori di farmacia alle 8,30; per l’assunzione di due operai generici addetti alla guida di mezzi pesanti alle 13 e per l’assunzione di tre istruttori direttivi tecnici alle 17. Domani si proseguirà con il concorso per l’assunzione di due istruttori direttivi amministrativi. 
I protocolli 
Dopo il lockdown e nonostante il trend di crescita dei nuovi casi positivi nel Piceno, l’Arengo ha messo a punto una serie di disposizioni per lo svolgimento delle preselezioni per i concorsi pubblici da sbloccare. Ma vediamo come si dovranno regolare i partecipanti ai concorsi. Innanzitutto, dovranno compilare e firmare un modulo di autodichiarazione dove si afferma sotto la propria responsabilità, di non essere sottoposto alla misura della quarantena né a misura di isolamento domiciliare fiduciario e di non presentare sintomatologia simil-influenzale. Nel caso in cui una persona presente all’interno della struttura manifesti evidenti sintomi di infezione respiratoria (tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) la commissione avrà la facoltà, previa eventuale misurazione della temperatura, di allontanarla dall’aula. Sarà comunque garantita l’assistenza sanitaria nella sede d’esame. Sono stati, inoltre, previsti degli accorgimenti per poter garantire il distanziamento ed evitare gli assembramenti. Ad esempio, per le prove con un numero considerevole di partecipanti, si procederà a segmentare i locali dove si effettuano le operazioni di identificazione anche prevedendo accessi separati per scaglioni. Inoltre, si individueranno diverse postazioni, distanziate tra loro, nelle quali effettuare le operazioni di identificazione. Saranno inoltre previsti tempi di accesso alle prove dilatati e si procederà alla sanificazione delle postazioni e della sede d’esame al termine di ogni sessione. Il personale provvederà a far rispettare il distanziamento anche negli spazi di attesa e per l’utilizzo dei servizi igienici. 
I dispositivi
Tutti i soggetti coinvolti nello svolgimento della prova (candidati, componenti della commissione, personale di supporto) dovranno indossare la mascherina (che non sarà fornita dall’ente) per la durata delle attività e procedere ad una adeguata igienizzazione delle mani. A tal proposito saranno presenti appositi dispenser in più punti. Il candidato che rimuoverà o non indosserà correttamente la mascherina potrà essere allontanato con esclusione dal concorso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

© RIPRODUZIONE RISERVATA