Colpito al volto nel parcheggio di un supermercato, naso rotto e 15 giorni di prognosi

Giovedì 13 Gennaio 2022
Carabinieri in azione

ASCOLI - È stato ripetutamente colpito con violenza al volto ed ha riportato la frattura del setto nasale con una prognosi di quindici giorni dopo il trasferimento e la visita al Pronto soccorso. È la disavventura capitata ad un 56enne, nel tardo pomeriggio di martedì, nel parcheggio di un supermercato di Porta Maggiore.

 

L’uomo aveva appena aperto lo sportello e stava scendendo dalla propria auto quando è stato raggiunto, all’improvviso, da uno sconosciuto, all’apparenza un italiano, che lo ha investito di pugni. La situazione ha colto di sorpresa la vittima che è riuscita a sottrarsi alla furia dell’aggressore soltanto richiudendo la portiera della vettura.

L’uomo malmenato non riesce a capacitarsi del motivo di tanta cattiveria e ferocia nei suoi confronti. Ripensando a quanto era accaduto pochi attimi prima, cioè che si era fermato a parlare, dall’abitacolo, con un altro automobilista, si è fatto l’idea che il suo aggressore possa aver male interpretato alcune frasi che i due si erano scambiati ed ha deciso di farsi giustizia da solo. In realtà, il 56enne non conosceva l’aggressore né si riferiva a lui e ad un suo eventuale comportamento.

Vista la gravità della situazione, sono subito intervenuti gli uomini della sicurezza del supermercato, mentre l’aggressore ha mollato la presa, è montato in auto e si è dileguato, facendo perdere le proprie tracce. L’uomo colpito al volto è stato poi soccorso dai dipendenti dell’attività commerciale che hanno chiamato i carabinieri, giunti rapidamente sul posto, ed hanno prestato le prime cure al ferito, medicandolo e procurandogli del ghiaccio per evitare che il volto si gonfiasse ulteriormente. Gli uomini dell’Arma hanno raccolto le prime testimonianze della vittima e dei presenti. Certamente visioneranno le immagini delle telecamere presenti all’esterno del supermercato per cercare di rintracciare l’aggressore e per ricostruire la dinamica dell’accaduto. Il 56enne si è recato subito al pronto soccorso e nella notte tra martedì e ieri è stato dimesso. È poi tornato in ospedale ieri mattina per sottoporsi ad una visita specialistica e verificare l’entità dei danni fisici subiti. Sporgerà poi denuncia per l’aggressione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA