Più di 600 persone con il Covid in città, disagi per la differenziata: ecco come verrà affrontata l'emergenza

Più di 600 persone con il Covid in città, disagi per la differenziata: ecco come verrà affrontata l'emergenza
Più di 600 persone con il Covid in città, disagi per la differenziata: ecco come verrà affrontata l'emergenza
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Gennaio 2022, 07:30

ASCOLI  - La pandemia condiziona ancora, inevitabilmente, i servizi legati al ciclo dei rifiuti e alla raccolta differenziata. E in questa fase resa complicata sia dall’incremento importante dei casi positivi al Covid in città, Ascoli servizi comunali ed Ecoinnova stringono i denti e continuano a garantire, in questa fase, due attività fondamentali: la distribuzione dei kit, a partire da lunedì per il conferimento di rifiuti col porta a porta in tutta la città e, al tempo stesso, a riservare un percorso di ritiro diversificato per le persone positive al virus che in città sono ormai oltre 600. 


Saranno adottati protocolli anticovid in linea con lo scorso anno, da 10 gennaio, per quel riguarda il ritiro gratuito dei kit per la raccolta differenziata che l’Arengo ha deciso di concedere ai cittadini. Il ritiro dei kit con la nuova fornitura di sacchetti per il porta a porta sufficiente per tutto il 2022, curato da Ecoinnova, partirà da lunedì e si protrarrà fino al 5 febbraio nel centro di distribuzione di via Calzecchi Onesti, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, mentre il sabato solo dalle 9 alle 13.

Per ritirare il kit gratuito, sarà necessario presentare l’ultimo pagamento della tassa sui rifiuti. Per i protocolli Covid, sono previsti percorsi separati di accesso e uscita per il ritiro dei kit, oltre all’obbligo di indossare la mascherina e con misurazione della temperatura all’ingresso. Sforzo straordinario, in questa fase, da parte delle società Ascoli servizi comunali ed Ecoinnova anche sul fronte delle procedure speciali per garantire il servizio di ritiro dei rifiuti per le persone che risultano positive al Covid. 


Considerando che nelle ultime ore il bilancio dei contagiati è arrivato a livello cittadino (641). Quindi, a livello organizzativo, si tratta di un’operazione sempre più complessa. In tal senso, i gestori del servizio hanno un elenco continuamente aggiornato relativo alle persone positive. Queste persone vengono contattate da un operatore che poi provvede alla consegna di un kit specifico per il conferimento dei rifiuti, consistente in una dotazione specifica di sacchi pesanti per l’indifferenziata e una fornitura di nastro isolante. Sacchi da utilizzare per tutte le tipologie di rifiuti che poi devono essere ben chiusi e sigillati con il nastro fornito. Dopodiché, un incaricato contatta i positivi per il deposito. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA