Tutto il Piceno imbiancato. Mezzo metro di neve a Monte Piselli dove riapriranno gli impianti da sci. Anche disagi

Domenica 27 Febbraio 2022 di Luigi Miozzi
Spazzaneve in azione sulle strade del Piceno

ARQUATA - Piceno imbiancato sotto una coltre di neve. La perturbazione proveniente da Est, annunciata nei giorni scorsi, è finalmente arrivata provocando sin dalle prime ore di ieri nevicate nelle zone collinari e montane della provincia. Precipitazioni che sono continuate durante tutta la giornata causando anche qualche disagio nelle zone interne. A cominciare nei comuni del cratere sismico.

 

Ad Arquata, l’accumulo ha raggiunto i cinquanta centimetri circa di altezza creando qualche difficoltà soprattutto lungo le strade dove, nonostante il passaggio dei mezzi spazzaneve e spargisale, complice anche le temperature calate bruscamente sotto lo zero, il fondo ghiacciato ha provocato intralci alla circolazione sulle maggiori vie di collegamento con le frazioni del territorio. Non si riscontrano, fortunatamente, problemi all’interno della casette. La situazione appare sotto controllo anche a Montegallo dove la neve ha raggiunto circa i quaranta centimetri. 

Anche in questo caso, è entrato in funzione il piano antineve e sin dalle prime ore di ieri sono entrate in azione le squadre comunali in supporto di quelle della Provincia, anche attraverso l’impegno di ditte private, per sgombrare le carreggiate stradali e garantire i collegamenti. Per tutta la giornata, il sindaco Sante Capanna ha effettuato sopralluoghi per monitorare costantemente l’evolversi della situazione. Contrariamente a quanto avvenuto in passato, sembrerebbero scongiurati anche i problemi alla linea elettrica che avevano causato dei continui distacchi e dei blackout. Nessun problema neppure ad Acquasanta dove i venticinque centimetri registrati nelle frazioni situate nel territorio più alto del comune non hanno creato particolari problemi. Anche qui gfli spazzaneve sono costantemente al lavoro per mantenere libere le strade. In nessun caso si registrano casi di famiglie isolate o in difficoltà neppure alle pendici del Monte Vettore, come a Montemonaco, dove la neve ha superato il mezzo metro di altezza ma senza eccessivi contraccolpi per la cittadinanza.

Neve abbondante è caduta anche nelle zone collinari intorno ad Ascoli a cominciare dal Pianoro di San Marco che, completamente imbiancato, ha regalato un panorama particolarmente suggestivo. Sono più di cinquanta i centimetri di manto bianco che si sono accumulati nel corso della giornata a Monte Piselli e potrebbero raggiungere i settanta se, come da previsioni, le precipitazioni nevose a quell’altitudine dovessero proseguire anche nelle prossime ore. Buone notizie, pertanto, per i tanti appassionati di sci che dai prossimi giorni potranno tornare a sciare sulle piste. La neve caduta nei mesi scorsi e già battuta, sebbene nelle ultime settimane non consetisse ai tanti appassionati di poter dare sfogo alla propria passione, rappresenta un buon fondo per la coltre bianca che si è accumulta nelle ultimere ore. La Remigio Group, gestore della stazione sciistica, inizierà immediatamente la battitura e la preparazione delle piste e, non appena le condizioni meteo lo permetteranno, garantirà l’apertura degli impianti di risalita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA