Cena su Mussolini nel luogo di un eccidio nazista: esposti, polemiche e caos politico

Cena e frase di Mussolini sul menù: l'iniziativa ha scatenato accese polemiche politiche.
Cena e frase di Mussolini sul menù: l'iniziativa ha scatenato accese polemiche politiche.
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Ottobre 2019, 18:57

ACQUASANTA TERME - Polemiche a non finire, atmosfera calda per una cena di commemorazione della marcia fascista su Roma, con sul menu una frase di Mussolini e stampati fascio littorio e simboli di Fratelli d'Italia. E' quanto sta accadendo ad  Acquasanta Terme cui si consumò l'eccidio nazifascista di Pozza-Umito e dov'era anche presente una Brigata Partigiana che contribuì a far insignire la città di Ascoli Piceno con una medaglia d'oro per la Resistenza.

L'iniziativa ha scatenato accese polemiche politiche. «La realizzazione del menu della cena ad  Acquasanta Terme - fa presente il deputato marchigiano Fdi Francesco Acquaroli - è un'iniziativa che non ha nulla a che fare con il partito che è stata presa senza averla condivisa con il partito. Noi non ne eravamo a conoscenza e ne prendiamo le distanze».

Proteste, richieste di chiarimento e scintille. L'Anpi di Ascoli Piceno ha dato mandato al proprio legale di presentare un esposto in procura per l'ipotesi di apologia del fascismo. Su Facebook Rifondazione Comunista di Ascoli attacca: «Quella che è successsa è una cosa che ci disgusta e ci indigna. Da quanto sembra, la locale
sezione di Fdi ha organizzato una commemorazione, con menu incorporato, dell'anniversario della marcia su Roma». 

«Commemorare una data che ha dato il via a una serie di eventi luttuosi e drammatici per questo Paese - aggiunge, ricordando l'eccidio di Pozza-Umito - è inappropriato e da condannare, e chiediamo ai rappresentanti locali di Fdi che siedono nelle istituzioni repubblicane, di condannare questa iniziativa triste e fuori luogo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA