Zanzare, ecco perché pungono alle caviglie

Zanzare, ecco perché pungono alle caviglie: lo spiega uno studio
Zanzare, ecco perché pungono alle caviglie: lo spiega uno studio
di Enrico Chillè
Siete bersagliati dalle zanzare e vi siete accorti che vi pungono soprattutto sulle caviglie? C'è più di un motivo e la scienza è in grado di spiegare perché le zanzare colpiscono l'uomo in aree apparentemente impensabili. Le caviglie in primisi. Ma tra gli obiettivi 'sensibili' degli insetti appartenenti alla famiglia delle Culicidae ci sono anche le ginocchia (in particolare le parti laterali e posteriori), i gomiti e la parte posteriore del collo. Ecco perché le zanzare 'prediligono' alcuni punti del corpo rispetto ad altri.

Meteo, previsioni da incubo: in arrivo una settimana con caldo record, temperature fino a 40°
Zanzara tigre, ecco il metodo 'bio' per combatterla (senza ricorrere alle disinfestazioni)



A spiegarlo ci pensa uno studio, pubblicato qualche anno fa sulla rivista scientifica Cell e svolto da alcuni ricercatori dell'università della California. I motivi per cui le zanzare tendono a pungere in determinati punti del corpo rispetto ad altri sono sia di natura chimico-biologica, sia di natura 'pratica'. Le zanzare, di ogni genere, possiedono antenne dotate di centinaia di diversi recettori, in grado di individuare le sostanze chimiche emesse dal corpo. Quando l'uomo respira emette andidride carbonica, ma lo fanno anche i pori della pelle, anche se in modo diverso per ogni parte del corpo: ed è proprio questo il vero e proprio 'richiamo' per le zanzare.

I microorganismi presenti sulla nostra pelle emettono delle molecole in grado di attirare le zanzare, ma non sono distribuiti in modo omogeneo sul nostro corpo. Questo spiega perché le zanzare tendono a pungere in alcuni punti del corpo, ma non è l'unico motivo. Oltre alle ragioni strettamente chimico-biologiche, infatti, ce n'è una decisamente più semplice: le zanzare tendono a pungerci nei punti che sfuggono alla nostra vista e quindi alla nostra attenzione, come, appunto, la parte posteriore delle ginocchia o le caviglie.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 21 Luglio 2019, 20:56 - Ultimo aggiornamento: 22-07-2019 19:00

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti