Delfini, morìa di cuccioli in Toscana, tra le ipotesi epidemia di morbillo: «Decessi dall'anno scorso»

Venerdì 26 Luglio 2019
Delfini, morìa di cuccioli in Toscana, tra le ipotesi epidemia di morbillo: «Decessi dall'anno scorso»

Sulle coste della Toscana c'è una morìa di delfini. Soltanto nelle ultime settimane ne hanno trovati spiaggiati sette. Tutti morti. Tutti cuccioli. Sulle spiagge ci sono arrivati già senza vita oppure sono morti proprio perché, per motivi ancora ignoti, hanno perso l'orientamento e il resto del branco, e si sono arenati sulla battigia? È questa la domanda principale alla quale stanno cercando di dare una risposta gli esperti dell'Arpat, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, che sta esamindo il fenomeno insieme con l'Università di Siena e l'Istituto zooprofilattico di Pisa.

Ostia, c'è una busta dell'immondizia sulla pinna del delfino

Capodoglio nuota a pancia in su, l'immagine rarissima immortalata dai ricercatori nel Tirreno
 

Tra le ipotesi c'è quella di un'epidemia di morbillo tra la specie, ma non si escludono altre cause dovute all'inquinamento marino. L'ultimo delfino morto è stato trovato il 24 luglio presso le saline di Orbetello. Nei giorni precedenti altri delfini spiaggiati e morti sono stati trovati a Viareggio e a San Vincenzo nel livornese.

Il fenomeno però, che certamente si sta acuendo nelle ultime settimane, non è del tutto nuovo su quelle coste. Come dimostra il video che ha inviato un lettore a Il Messaggero, girato il 21 ottobre scorso sulla spiaggia della Feniglia all'Argentario: qui fu trovato spiaggiato e purtroppo senza vita un altro cucciolo di delfino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA