Zelalem sepolto nella sua Etiopia
dopo la grande gara di solidarietà

Zelalem sepolto nella sua
Etiopia dopo la grande
gara di solidarietà
ANCONA - La salma di Zelalem Bekele Mengistu il ragazzo etiope di 27 anni morto affogato alla spiaggia di Palombina mercoledì 31 luglio è atterrata ieri mattina alle prime luci dell’alba all’aeroporto di Addis Abeba. Da qui dopo un viaggio di 400 km il feretro è arrivato nel paesino di origine di questo ragazzo dove vive la madre e il fratello. E proprio da questa zona rurale dell’Etiopia anni addietro Zelalem era partito alla volta dell’Italia, per la precisione ad Ancona dove a febbraio aveva conseguito la laurea in economia e commercio. Un traguardo reso possibile anche dai sacrifici fatti dalla sua famiglia. Per consentire il rientro della salma in Etiopia un gruppo di amici in pochi giorni è riuscito ad organizzare una raccolta fondi che ha toccato quota 10.300 euro, come racconta Silvana Micheli una delle responsabili.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Agosto 2019, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 11:04